MezzaMaratona di Praga:una corsa per tutti



Tutti mi hanno parlato della mezzamaratona di Praga come una delle migliori gare al mondo come organizzazione e come impatto umano e questa volta ho voluto parteciparvi pure io.
Già dall'arrivo nella zona partenza mi sono resa conto di una perfezione inaudita,una perfezioone che non avevo mai visto in nessuna gara italiana,nonostante io corra da circa 30 anni.
Area partenza con ogni comfort possibile per noi runners e la cosa che piu' mi ha stupita e' stata la consegna borse con una fantastica divisione per numeri finali del pettorale: ho lasciato la mia sacca nella fila con tutti i pettorali che finivano per 20,veramente una soluzione innovativa e veloce per il ritiro.
Due chiacchere con gli amici e giunge velocemente il momento di prepararsi per la gara.Non nego un briciolo di emozione tornare a mettersi un pettorale dopo circa tre anni dall'ultima volta.Ho corso maratone da semi professionista ma attaccarsi un pettorale anche ora che corro solo per passione,mi regala sempre brividi strani e fantastici.
Incrocio i big italiani Eyob Faniel e Stefano LaRosa con cui riesco a fare una foto e ci facciamo l'in bocca al lupo prima delle gara

Temperatura perfetta per correre,giornata soleggiata che ci accompagnera' in questo spettacolo per le vie di Praga, mi sposto verso la mia zona di partenza e subito mi ritrovo in un clima di festa veramente speciale e intorno a me vedo solo gente sorridente e pronta per una grande festa di sport e corsa.
Quando sento l'annuncio delle ultime informazioni tecniche nella mia lingua mi emoziono un poco e mi sento una volta in piu' coccolata seppur fuori dall'Italia...che bello!!
Lo sparo...si parte!! Non dimentichero' mai il viale di partenza con tanta adrenalina addosso e gente che ci incitava tutti:tappeto rosso per tutti e via per le strade di Praga con scenari incantevoli lungo la Moldava.
Gia' dopo il primo chilometro rimango allibita ed estasiata dalla massa infinita di gente che ci supporta lungo ogni metro del percorso,gente su entrambi i lati della sede stradale che ci batte il cinque,che ci incita con trombette o batte le mani e ci incita senza lesinare la voce.
Tutta questa carica ed energia che trasmette il pubblico di Praga,mi ha permesso di notare come sia andata sempre in progressione e abbia finito quasi meglio di come partita.
Non importa il tempo,la vita quotidiana mi impedisce di allenarmi come vorrei,ma correre in progressione mi ha galvanizzata per il futuro.
Mi sono piaciuti i ristori perche',anche se non ero davanti , avevo ogni servizio e nulla mi e' mancato per rifiatare e bere qualcosa per recuperare.
Ho faticato un poco con il fondo in sampietrini,ma quello dipende esclusivamente da mio stile di corsa che non li ha mai graditi.
Il percorso per il resto velocissimo e bellissimo:non nego di essermi fermata per una due foto esclusive..era tutto cosi bello ed esaltante.La mia voglia di correre proprio ripagata dalle bellezze di Praga e dall'incredibile tifo locale:qualcosa di spettacolare!!
Arrivo all'ultimo chilometro e gia' assaporo la gioia del traguardo:mi sento cosi bene che allungo ancora un pochino e mi accorgo di avere in viso un grande sorriso.
Taglio il traguardo e sono felicissima: mi ritrovo ad esultare per la gara,esulto per scaricare la tensione e l'adrenalina di una gara fantastica!!
Seppur conoscendo poco la lingua inglese,ho conosciuto tanta gente da tutto il mondo e ci siamo scambiati incitamenti lungo tutta la gara,abbiamo corso insieme chilometri e alla fine ci siamo ritrovati e abbracciati dopo una esperienza unica e indimenticabile.
Nel pomeriggio mi sono goduta un giro per la citta':la cultura ,l'ordine e la civilta' delle persone mi hanno positivamente impressionato.Che gran bella citta'!!
Tornando in hotel ho avuto poi il piacere di conoscere Carlo Capalbo,il gran patron di tutto il circuito RunCzech e nel parlare,scopro che ha portato la sua organizzazione anche nella sua natia Napoli.Vuole esportare in Italia e il modello Runczech e questo mi ha affascinato cosi tanto che la SorrentoPositano sara' sicuramente una delle mie prossime gare del 2018
Non ne vedo l'ora di correre a Napoli e di tornare quanto prima alle prossime gare di RunCzech#