giovedì 29 agosto 2013

#PADUAMEETING TOPNAMES ANNOUNCED:L.MERRITT,SANCHEZ,CLAYE and A.MERRITT

(my apologies in advance for a fast and not perfect translation)


THE CHALLENGES OF THE MEETING OF PADUA

Here is a quick overview on the most interesting challenges in the program.

MEN .
100 . The American Ryan Bailey , a silver medal with the 4x100 relay at the Olympic Games in London , he returned to Padua after the podium caught in 2009. Its staff of 9 " 88 places him among the favorites of law , but must guard against two other athletes are able to get under the wall of the 10" : Zimbabwean sprinter Gabriel Mvumvure (9 " 98 , which was signed in 2013 ) and the American Isiah Young ( 9 " 99 , always in 2013 ) . Italy relies on the emerging Delmas Obou , reigning national champion .

400 . The star is he, LaShawn Merritt, the reigning world champion after the resounding victory of Moscow in 43 " 74. The American athlete , which also boasts two Olympic titles and six world titles , the occasion has signed a new personal best , as well as the best performance of 2013. Hard to tell who can stop him. We will try compatriot Manteo Mitchell, indoor world champion 2012 in the 4x400 , Jamaican Rusheen McDonald , silver in Moscow with 4x400 , and trinidegno Rennie Quow ( 44 " to 53 PB) . He will try to tell her the Vicenza Matteo Galvan .

800 . On his return from Moscow, Giordano Benedetti returns to the plant in Viale Nereo Rocco after his third place in 2012 , after trying to repeat the exploits of last June at the Golden Gala with a new personal best of 1'44 " 67. Many will try to fight it , among them promising the nineteen year old Kenyan Sammy Kirongo .

110hs . And ' the race of Aries Merritt , gold medalist of the Olympic Games in London and the World Indoor Championships in Istanbul in 2012 , the world record holder of the specialty, with a time of 12 " 80 obtained in Brussels on 7 September 2012. Blue with the cop Hassane Fofana , Italian champion and record holder with Italian junior Lorenzo Perini .

400hs . From here the road passed its rebirth after 2005 when it seemed about to leave athletics . And here again now, having won the second Olympic title of his career just twelve months ago : the Dominican Felix Sanchez - the invincible or dictator , as it has been dubbed - is the man to beat. The Magi Estonia Rasmus , record holder of his country, European bronze under 23 , will try to annoy him .

Triple . Will Claye is the star. Indoor world champion in charge, twice a medal at the London Games between long and triple - and certainly the strongest specialist overall in the "combined" between the two races - the American finds himself in our platform Fabrizio Schembri - between notes happier last shipment blue - after the World Championships in Moscow . But there will also be another world championship finalist : Russian Aleksey Fyodorov , fifth in Russia and former bronze medal at the European Indoor 2013.

Weight. The Canadian Dylan Armstrong, bronze medal in Moscow, leading the troops. The best pb , however, is the American Christian Cantwell ( 22:54 ), four times world champion gold , but beware of the Czech Martin Stasek , a finalist at the last world championships. Italy will not be the outline : there are the evergreen Paolo From Throne , Mark Dodona , Daniel Secci and pitcher Assindustria Sport Thomas Parolo . Curiosity : on the platform there is also the national champion Jamaican O'Dayne Richards, a demonstration of how the Caribbean country not only knows how to produce (large ) sprinters for him a PB of 20.97 meters.

WOMEN .
100 . Gold with the 4x100 in Daegu, finalist in Moscow, Alexandra Anderson is a pb of 10 " 91 chalked up to June 2013, but in his favor also speak eleven races in career ran under the wall of the 11 " . With her on the podium in Daegu was also Shalonda Solomon (10 " 90 ) . A challenge them there is the Jamaican Aleen Bailey , Olympic champion in Athens with the 4x100 , while italian colors will be represented by Irene Siragusa .

400 . And ' one of the most interesting races . The italian Libania Grenot is presented on the blocks in the 400 meters with the desire to redeem himself after being excluded from the final in Moscow for only 13 cents. Who in the end it went , and how, is the twenty-six Russian Antonina Krivoshapka that, for the championship championships , took the podium in both the individual race , winning the bronze medal in 49 "78 , who with 4x400 , first runner-up. And with her , in the relay , there was also Kseniya Ryzhova  .

1500s. Race with other athletes who are traveling on the same time . For Italy there is Margherita Magnani, who will have to watch from the Slovenian Sonja Roman, the Russian Yelena Korobkina and the Kenyan Violah Lagat .

100hs . The athlete is to beat the U.S. Kellie Wells, bronze medal at the Olympic Games in London , armed with a pb of 12 " 48. For Italy there are Marzia Caravelli and Micol Cattaneo , first and second to the last Absolutes , calls to challenge even the Stadio Euganeo .

Long . The better PB is fo Russian Oksana Zhukovskaya , able to land this season to 7.02 meters. Back in Padua the American Funmi Jimoh , all'Euganeo often admired , but there are also the Italian champion in charge Tania Vicenzino and Dariya Derkach , who is making his debut in the event: the beautiful jumper of Ukrainian origin in 2013 was medal ' silver at the European under 23 .

Weight. Cover must for the silver medal in London Yevgeniya Kolodko , a record of 20:48 meters, but must guard against the Romanian Anca Heltne , eight times champion of his country.

Official TimeTable in CET

(Race will be broadcasted by italian RAISPORT1 live)




ITALIAN VERSION:

LE SFIDE DEL MEETING DI PADOVA


Di seguito, un veloce excursus sulle sfide più interessanti in programma.


UOMINI.
100. Lo statunitense Ryan Bailey, medaglia d’argento con la staffetta 4x100 ai Giochi Olimpici di Londra, torna a Padova dopo il podio colto nel 2009. Il suo personale di 9”88 lo pone di diritto tra i favoriti, ma dovrà guardarsi da  altri due atleti capaci di scendere sotto il muro dei 10”: lo sprinter dello Zimbawe Gabriel Mvumvure (9”98, firmato 2013) e l’americano Isiah Young (9”99, sempre nel 2013). L’Italia si affida all’emergente Delmas Obou, campione nazionale in carica.


400. La stella è lui, LaShawn Merritt, campione del mondo in carica dopo la strepitosa vittoria di Mosca in 43”74. L’atleta statunitense, che vanta anche due titoli olimpici e altri sei titoli iridati, nell’occasione ha siglato il nuovo primato personale, nonché la miglior prestazione del 2013. Difficile indicare chi possa fermarlo. Ci proveranno il connazionale Manteo Mitchell, campione del mondo indoor 2012 nella 4x400, il giamaicano Rusheen McDonald, argento a Mosca con la 4x400, e il trinidegno Rennie Quow (44”53 di PB). Proverà a dire la sua il vicentino Matteo Galvan.


800. Di ritorno da Mosca, Giordano Benedetti torna nell’impianto di viale Nereo Rocco dopo il terzo posto del 2012, cercando di ripetersi dopo l’exploit dello scorso giugno al Golden Gala col nuovo primato personale di 1’44”67. In tanti proveranno a contrastarlo, tra loro promette bene il diciannovenne keniano Sammy Kirongo.


110hs. E’ la gara di Aries Merritt, medaglia d’oro dei Giochi Olimpici di Londra e dei Mondiali indoor di Istanbul 2012, detentore del record del mondo della specialità, con il tempo di 12”80 ottenuto a Bruxelles il 7 settembre 2012. Azzurri col poliziotto Hassane Fofana, campione italiano in carica, e col primatista italiano juniores Lorenzo Perini.


400hs. Da qui passò la strada della sua rinascita dopo un 2005 in cui sembrava sul punto di lasciare l’atletica. E qui torna ora, dopo aver vinto il secondo titolo olimpico della sua carriera appena dodici mesi fa: il dominicano Felix Sanchez – l’invincibile o il dittatore, come è stato soprannominato – è l’uomo da battere. L’estone Rasmus Magi, primatista del suo paese, bronzo agli Europei under 23, cercherà di dargli fastidio.


Triplo. Will Claye è la stella. Campione del mondo indoor in carica, due volte a medaglia ai Giochi di Londra tra lungo e triplo – e di certo il più forte specialista in assoluto nella classifica «combinata» fra le due gare – lo statunitense ritroverà in pedana il nostro Fabrizio Schembri – tra le note più liete dell’ultima spedizione azzurra – dopo i Mondiali di Mosca. Ma ci sarà anche un altro finalista iridato: il russo Aleksey Fyodorov, quinto in Russia e già medaglia di bronzo agli Europei indoor 2013.


Peso. Il canadese Dylan Armstrong, medaglia di bronzo di Mosca, guida la truppa. Il personale migliore è però quello dello statunitense Christian Cantwell (22.54), quattro volte oro iridato, ma attenzione al ceco Martin Stasek, finalista agli ultimi campionati mondiali. L’Italia non farà da contorno: ci sono il sempreverde Paolo Dal Soglio, Marco Dodoni, Daniele Secci e il lanciatore di Assindustria Sport Tommaso Parolo. Curiosità: in pedana c’è anche il campione nazionale giamaicano O’Dayne Richards, a dimostrazione di come il paese caraibico non sappia produrre solo (grandi) velocisti: per lui un PB di 20.97 metri.


DONNE.
100. Oro con la 4x100 a Daegu, finalista a Mosca, Alexandra Anderson vanta un personale di 10”91 messo a segno a giugno 2013, ma a suo favore parlano anche undici gare in carriera corse sotto al muro degli 11”. Con lei sul podio di Daegu c’era anche Shalonda Solomon (10”90). A sfidarle c’è la giamaicana Aleen Bailey, campionessa olimpica ad Atene con la 4x100, mentre i colori azzurri saranno rappresentati da Irene Siragusa.


400. E’ una delle gare più interessanti. L’azzurra Libania Grenot si presenta sui blocchi nei 400 metri con la voglia di riscattarsi, dopo essere stata esclusa dalla finale di Mosca per soli 13 centesimi. Chi in finale ci è andata, eccome, è la ventiseienne russa Antonina Krivoshapka che, ai campionati iridati, è salita sul podio sia nella prova individuale, conquistando la medaglia di bronzo in 49”78, che con la 4x400, prima classificata. E con lei, in staffetta, c’era pure Kseniya Ryzhova, l’atleta del bacio sul podio, clamoroso atto di protesta (poi smentito) contro la legge anti-gay russa.


1500. Gara con diverse atlete che viaggiano sugli stessi tempi. Per l’Italia c’è l’azzurra Margherita Magnani, che dovrà guardarsi dalla slovena Sonja Roman, dalla russa Yelena Korobkina e dalla keniana Violah Lagat.


100hs. L’atleta da battere è la statunitense Kellie Wells, medaglia di bronzo ai Giochi Olimpici di Londra, forte di un personale di 12”48. Per l’Italia ci sono Marzia Caravelli e Micol Cattaneo, prima e seconda agli ultimi Assoluti, chiamate a sfidarsi anche allo Stadio Euganeo.


Lungo. Il personale migliore è della russa Oksana Zhukovskaya, capace in questa stagione di atterrare a 7.02 metri. Torna a Padova l’americana Funmi Jimoh, spesso ammirata all’Euganeo, ma ci sono anche la campionessa italiana in carica Tania Vicenzino e Dariya Derkach, che è al debutto nella manifestazione: la bella saltatrice di origini ucraine nel 2013 è stata medaglia d’argento agli Europei under 23.

Peso. Copertina d’obbligo per la medaglia d’argento di Londra Yevgeniya Kolodko, un primato di 20.48 metri, ma dovrà guardarsi dalla romena Anca Heltne, otto volte campionessa del suo paese.