giovedì 2 agosto 2012

"RENATO CANOVA PREDICTIONS" DAY 1


From now , we will begin a preliminary analysis of the races scheduled each day, in track races (from the semi-finals) and field events. 
Of course, in many cases our predictions could be wrong, but that's part of the game: if the Athletics were just a mathematical fact, could never be the "Queen of the Olympics", a sport that would become sterile, incapable of producing emotions. 
The first day will offer two Olympic finals: the SHOT men and women's 10000 meters. 

SHOT PUT Men 

It will be preceded by the morning qualifying. This is a very interesting test, living on duels between technical representatives of the roundabout (Americans Reese Hoffa, Cantwell and Ryan Whiting along with the Canadian Dylan Armstrong) and the classical, all from European countries (the young world champion German David Storl, polish Majewski and the new Russian Sidorov). The qualifications have always produced some surprises, but I believe that these athletes will go through the morning without too many problems. 

CHRISTIAN CANTWELL world leading with 22:31. Athlete of great size (193 x 154 kg), now 32 years old (was born 09.30.1980), has considerable experience, having won the World Championships in Berlin in 2009 with his best result this year of 22.03, but always well raced in major competitions (5 ° in the Helsinki World Championships in 2005 with 20.87 after being presented with a season of 21.67, 4 ° at the Beijing Olympics with a 21.09 against 21.76 for a season, and even 4 th last year at the World Championships in Daegu with 21:36 having a previous season of 21.87). Cantwell has an average of 22,323 of its first 10 performances, the best ever, and a record made ​​on July 7, 2004, 22:54. He qualified for the Games thanks to a third place in the Trials with 21:28 in the race won by Reese Hoffa with 22 meters. 
REESE HOFFA, the oldest (08/10/1977) and lower tonnage (182 x 133 kg), winner of the Trials with his season best performance of 22.00, won 2007 World Championships in Osaka with a 22.04 in the year with 22:43 season. Except that occasion, he never managed to get on the podium at major championships: eliminated in qualifying for the Athens Olympics in 2004 with 19.40 (21.67 was presented with the season), only 7 ° in Beijing in 2008 with 20:53 (22:10 season of ), even in the World Championships has never shined (4th in 2009 with 21:28 against a season of 21.89, and 5th last year in Daegu with 20.99 when his season was 21.87). The average of their 10 best results is 22,065, but this year seems to have stabilized at the level of competitiveness. 
RYAN WHITING, the youngest of the company (born 11.24.1986) and also the lightest (191 x 134 kg), for its part does not have too much experience. In terms of the World Championships, came 7 th in Daegu 2011 with 20.77 far about a meter at its seasonal limit of 21.76, but last winter, in Istanbul, he became World Indoor Champion improving its PB with 22.00. He qualified in the Trials by running a 21.66, after reaching 2 ° Hoffa but before Cantwell. The average of his top 10 performances is currently 21.75. 
DYLAN ARMSTRONG, Canada, is structurally similar to Whiting (193 x 114 kg). From the hammer throw, practiced with the results of mid-level up to 2003 (personal best of 71.51), Dylan, born on 15.01.1981, has had a sensational season of progress in 2011, when he brewed over 22 meters (personal 22:21) coming 2 nd in the World Championships in Daegu with 21.64. In the 2008 Games had shown a good ability to compete, reaching 4 ° with the staff of 04.21 (20.92 had previously). The average of his top 10 performance, almost all dating back to last year, is 21,682. 
All these athletes use the technique roundabout, which is much more difficult to control. The quest for speed, key in this technique often leads to mistakes in the end supports, with a high percentage of throws null. On the other hand, you can always hit a sensational launch, when the athlete is in the form, precisely because of the higher speeds that the shooter can impart to the tool. 
Certainly the classical technique, one that takes its name from Parry O'Brien, the great pitcher of the years 50/60, Olympic champion in Melbourne 1956, which was the first to apply it (starting with having the back turned to the direction of launch) , allows for greater reliability, and is more suitable for athletes higher, for which the translocation roundabout in the platform of the weight may present difficulties, given the small size of the platform itself. 
The Polish TOMASZ Majewski, born on 30.08.1981, belongs to this category of athletes, thanks to a height of 204 x 136 kg. With a personal best of 21.95, has always expressed at high levels in major championships: after failing his first Olympic Games (2004), a young and inexperienced (eliminated in qualifying despite a record season with 19:55 to 20:52), he graduated Olympic Champion in Beijing with 21:51 (it was presented with 20.97), while in the World Championships has always behaved well, with a 5 th place in 2007 (20.87, season record), a silver in 2009 with 21.91, his second personal performance, and a bronze at the World Indoor Istanbul 2012, with 21.72. The average performance of its top 10 is 21,639, indicating a high level of continuity. 
The man of the future, but this could be the German David STORL, young age (born 27/07/1990), a large structure (199 x 111 kg), which won the world title last year with a personal best of 21.78 improved after already qualifying with 21.50 (had a record of 21.05). Storl has limited his races this year, however, has won the World Indoor silver in 21.88 with (which is his personal best) and gold in the European Championships in Helsinki 21.58. The average of his best performances is 10, for now, to 21,479, but its danger is well known. 
The last athlete to join in the ranks of the favorites is Russian MAKSIM Sidorov, born on 11 .05.1986, like Storl as a physical structure (195 x 115 kg), winner of Russian Championship with the staff of 21:51 on 4 July. However, in the past Sidorov had never been shown to be able to express on its levels in the major events. But it could have reached that maturity racing as dangerous outsiders propose that the customary rulers of the platform weight. 
FEMALE MT 10000 

The race is based on the duel between Tirunesh Dibaba and Vivian Cheruiyot. Frankly, I do not think there can be interference between these two great distance athletes.
Over the past two years, Tirunesh has faced a lot of injuries, while Vivian has grown continuously in both the tactic and personality. 
However, the two seasonal Tirunesh exploits on his return (Eugene won the 10000m with 30'24 ", season best time, ahead of Florence Kiplagat, and the subsequent victory over 5000m in New York in a tactical race, ended with a final 1000m from 2'39 "), let me to consider her as clear favorite, with respect to a Vivian has never managed to defeat her on the track (when the feedback is for Tirunesh 11-0). 
In the race of Eugene, which I witnessed personally, Tirunesh did not make a great final, merely precede Florence Kiplagat of a few cm, even with the best seasonal performance world 30'24 "39. Tirunesh, born on 1 June 1985, little but slightly muscled than Vivian (155 x 44 kg), has always been famous for his last lap and a fast acceleration capabilities outside the norm. We remember a 56 "3 in a final round on 5000m against Meseret Defar, and a dazzling last 200m which destroyed their own Vivian African Championships in 2010 in Nairobi. 
Virtually unbeatable if fit, can be considered the greatest long distance runner of all time. Boasts a double Olympic gold medalist on the 5000 and 10000m in Beijing 2008, and 4 track championships (5000 and 2005 in 2003. 10000 in 2005 and 2007), as well as the 5000 Olympic bronze medalist in 2004, more junior, and 4 world titles in the cross. 
Just the fact that after the accident that has virtually stopped for a couple of seasons, has been reconstructed by increasing the volume of long stroke, and the tests repeated in the long run, but have deliberately neglected part of training for speed always been part of his technical knowledge, brought it to increase its specific resistance at high speeds, on the other hand, losing one point that he beat last lap. Tirunesh, after the race in Eugene, he realized, and in New York, a few days later, he placed a last km in 2'39 "on the progression, with a final round by 61", which frankly I can not be part of Vivian. On the other hand, Vivian has always defeated, in the past 3 years, Meseret Defar of a few cm, while the recessed Tirunesh has relegated to 7 "away. 
Vivian Cheruiyot, who was born on 11 .09.1983, more little than Tirunesh (155 x 38 kg), was the best in the absence of Dibaba, won the 5000 world titles in 2009 and 2011, the year in which it is imposed also on 10000m and cross. All this after a 2 nd place in the 2007 World Championships, the same course behind Tirunesh. 
Even though my percentages are strongly in favor of Tirunesh (70% to 30%), as said I do not see the possibility of entry by any other athlete. 
For the bronze, my favorite is CHEPKIRUI JOYCE, born on 10.08.1988, with excellent structure (166 x 47 kg), fast (last year came second in the 1500 Kenyan Championships) and resistant (remember his role as "pacer "in the London Marathon this spring for a good 32 km). Personally, I consider ihercloser to third than consider KIPYEGO SALLY, born on 19.12.1985, I see her far from the condition of last year, when she learned about 10000m win a silver unexpected, coming very close to Vivian, and then repeat 5000m race at the highest level on the meeting in Zurich. 
Apart from these 4 athletes, I still see the other two protagonists Ethiopians: BELAYNESH OLJIRA, born on 26.06.1990, capable of 30'26 "70 in Eugene behind Tirunesh and Florence, demonstrating good personality (has been conducting for some km), and seasoned WORKENESH Kidane, of which nothing can be discovered, and who was able to return after maternity leave on a good level, although still far from charismatic athlete some years ago. 
No chance, in my opinion, for other athletes who are not African women, unless the race does not play on slow pace, which I do not consider likely. 
At the Italian level, NADIA EJJAFFINI could improve its staff, bringing the 31'30 ". By that time, in all likelihood an athlete may remain behind in a group of African, to play for a position between 7 th and 12 th place. 
STEEPLES MEN (Semifinals) 

It will run 3 semifinals, where the first 4 winners, plus the 3 best times, enter the finals. 
In the first, I classified directly Abel Mutai, French MEKHISSI European champion, the American Jager and Ethiopian Mesfin. The Ugandan Benjamin Kiplagat will probably keep up the pace, starting with the least being the final. Although this is an athlete who ran in 8'03 ", its current condition does not seem too bright, so the only chance of qualification should be made ​​through the repechage on the best time. 
In the second, BRIMIN KIPRUTO will have an easy life, with the Moroccan BRAHIM Taleb who recently moved very well able to qualify directly. Although this year has not had good results, the Ugandan ARAPTANY JACOB loves running in his head, and probably will happen again this time. In this task, you can get some help dall'etiope Birhan Getahun, another has an aggressive tactic. 
In the third and last semi-final, and easy task for EZEKIEL KEMBOI STUFF GARI, with Spanish VICTOR GARCIA has good starting point to the final window. The Moldovan ION LUCHIANOV should probably groped a high rate aiming to qualify on time 


ITALIAN VERSION:


ACCADRA’  DOMANI
Da oggi, inizieremo una analisi preventiva delle gare in programma giornalmente,sia nelle gare di corsa  (a partire dalle semifinali), sia nelle specialità tecniche.  
Naturalmente, in molti casi saremo smentiti, ma questo fa parte del gioco : se l’atletica leggera fosse soltanto un fatto matematico, non potrebbe mai essere la “Regina delle Olimpiadi”, perché diverrebbe uno sport asettico, non capace di produrre emozioni.
La prima giornata olimpica offrirà due finali : il GETTO DEL PESO maschile ed i 10000 metri femminili.
GETTO DEL PESO Maschile
Sarà preceduto dalle qualificazioni mattutine.  Si tratta di una prova assai interessante, vivendo sui duelli tra i rappresentanti della tecnica rotatoria (gli statunitensi Reese Hoffa, Cantwell e Ryan Whiting insieme con il canadese Dylan Armstrong) e di quella classica, tutti appartenenti a Paesi Europei (il giovane campione mondiale tedesco David Storl, il polacco Majewski ed il nuovo russo Sidorov).  Le qualificazioni hanno sempre prodotto qualche sorpresa, tuttavia ritengo che i suddetti atleti possano passare il turno mattutino senza troppa difficoltà.
CHRISTIAN CANTWELL e’ il leader stagionale, con 22.31.  Atleta di grande stazza (193 x 154 kg), ormai 32enne (è nato il 30.09.1980), vanta una notevole esperienza, avendo vinto i Campionati Mondiali di Berlino nel 2009 con il suo miglior risultato stagionale di 22.03, ma essendosi sempre difeso nelle grandi competizioni (5° nei Mondiali di Helsinki 2005 con 20.87 dopo essersi presentato con uno stagionale di 21.67, 4° alle Olimpiadi di Pechino con 21.09 a fronte di uno stagionale di 21.76, ed ancora 4° lo scorso anno ai Mondiali di Daegu con 21.36 avendo uno stagionale precedente di 21.87).  Cantwell vanta una media delle sue prime 10 performances di 22.323, la migliore di sempre, ed un primato, realizzato il 7 luglio del 2004, di 22.54.  Si è qualificato per i Giochi grazie ad un terzo posto nei Trials con 21.28, nella gara vinta da Reese Hoffa con 22 metri esatti.
REESE HOFFA, più anziano (8.10.1977) e di minor stazza (182 x 133 kg), vincitore dei Trials con la sua miglior performance stagionale di 22.00, ha vinto dal canto suo i Mondiali del 2007 ad Osaka con 22.04, nell’anno del personale con 22.43.  A parte in quella occasione, non è mai riuscito ad andare sul podio nei maggiori Campionati : eliminato in qualificazione alle Olimpiadi di Atene 2004 con 19.40 (si era presentato con 21.67 di stagionale), solo 7° a Pechino 2008 con 20.53 (stagionale di 22.10), anche nei Campionati Mondiali non ha mai brillato (4° nel 2009 con 21.28 a fronte di uno stagionale di 21.89, e 5° lo scorso anno a Daegu con 20.99 allorchè il suo stagionale era di 21.87).  La media dei suoi 10 migliori risultati è di 22.065, ma quest’anno sembra essersi stabilizzato a livello di competitività.
RYAN WHITING, il più giovane della compagnia (nato il 24.11.1986) ed anche il più leggero (191 x 134 kg), da parte sua non ha troppe esperienze. A livello di Campionati Mondiali, è giunto 7° a Daegu 2011 con 20.77 cedendo circa un metro al suo limite stagionale di 21.76, ma lo scorso inverno, ad Istanbul, è divenuto Campione Mondiale Indoor migliorando il suo personale con 22.00.  Si è qualificato lanciando nei Trials a 21.66, giungendo 2° dopo Hoffa ma davanti a Cantwell.  La media delle sue migliori 10 performances è attualmente di 21.75.
DYLAN ARMSTRONG, canadese, è simile a Whiting strutturalmente (193 x 114 kg).  Proveniente dal lancio del martello, praticato con risultati di medio livello fino al 2003 (primato personale di 71.51), Dylan, nato il 15.01.1981, ha avuto una stagione di clamorosi progressi nel 2011, allorchè ha saputo superare i 22 metri (personale di 22.21) giungendo 2° nei Campionati Mondiali di Daegu con 21.64.  Nei Giochi del 2008 aveva mostrato una buona capacità competitiva, giungendo 4° con il personale di 21.04 (aveva 20.92 in precedenza).  La media delle sue migliori 10 prestazioni, quasi tutte risalenti allo scorso anno, è di 21.682.
Tutti i suddetti atleti usano la tecnica rotatoria, che è assai più complessa da controllare.  La ricerca della velocità di esecuzione, fondamentale in tale tecnica, porta spesso a  commettere errori negli appoggi finali, con una elevata percentuale di lanci nulli.  D’altro canto, è sempre possibile azzeccare un lancio sensazionale, quando l’atleta è in forma, proprio in virtù della superiore velocità che il lanciatore può imprimere all’attrezzo.
Di certo la tecnica classica, quella che prende il nome da Parry O’Brien, grande lanciatore degli anni 50/60, vincitore olimpico a Melbourne 1956, che fu il primo ad applicarla (con la partenza avendo il dorso rivolto alla direzione di lancio), consente una maggiore affidabilità, ed è più adatta agli atleti più alti, per i quali la traslocazione rotatoria nella pedana del peso può presentare difficoltà, viste le ridotte dimensioni della pedana stessa.
Il polacco TOMASZ MAJEWSKI, nato il 30.08.1981, appartiene a questa categoria di atleti, grazie ad una altezza di 204 x 136 kg di peso.  Con un personale di 21.95, si è sempre espresso su alti livelli nei grandi Campionati : dopo aver fallito i suoi primi Giochi Olimpici (2004), da giovane ed inesperto (eliminato in qualificazione con 19.55 nonostante un primato stagionale di 20.52), si è laureato Campione Olimpico a Pechino con 21.51 (si era presentato con 20.97), mentre nei Campionati Mondiali si è sempre comportato bene, con un 5° posto nel 2007 (20.87, primato stagionale), un argento nel 2009 con 21.91, sua seconda prestazione personale, ed un bronzo ai Mondiali Indoor di Istanbul 2012, con 21.72.  La media delle sue migliori 10 prestazioni è di 21.639, indice di continuità ad alto livello.
L’uomo del futuro, ma anche del presente, potrebbe essere il tedesco DAVID STORL, giovanissimo (nato il 27.07.1990), di grande struttura (199 x 111 kg), vincitore del titolo mondiale lo scorso anno con il primato personale di 21.78 dopo essersi migliorato già in qualificazione con 21.50 (aveva un primato di 21.05).  Storl ha quest’anno limitato le sue partecipazioni, tuttavia ha vinto l’argento nei Mondiali Indoor con 21.88 (che costituisce il suo primato personale) e l’oro nei Campionati Europei di Helsinki con 21.58.  La media delle sue migliori 10 performances è, per ora, di 21.479, ma la sua pericolosità è assai nota.
L’ultimo atleta che inseriamo nel novero dei favoriti è il russo MAKSIM SIDOROV, nato l’11.05.1986, simile a Storl come struttura fisica (195 x 115 kg), vincitore dei Campionati russi con il personale di 21.51 lo scorso 4 luglio. Tuttavia, in passato Sidorov non aveva mai dimostrato di sapersi esprimere sui suoi livelli nelle gare più importanti. Potrebbe però aver raggiunto quella maturità agonistica tale da proporlo come pericoloso outsider per gli abituali dominatori della pedana del peso.

10000 METRI  FEMMINILI
La gara si regge sul duello tra TIRUNESH DIBABA e VIVIAN CHERUIYOT.  Francamente, non penso ci possano essere intromissioni tra queste due grandissime mezzofondiste.
Negli ultimi due anni, Tirunesh è andata incontro a molti infortuni, mentre Vivian è cresciuta con continuità sia sotto l’aspetto tattico che sotto quello della personalità.
Tuttavia, i due exploit stagionali di Tirunesh al suo rientro (il 10000m di Eugene vinti con 30’24”, miglior tempo stagionale, davanti a Florence Kiplagat, e la successiva vittoria sui 5000m di New York in una gara tattica, conclusa con un ultimo 1000m da 2’39”), mi spingono a considerarla netta favorita, nei confronti di una Vivian che non è mai riuscita a sconfiggerla in pista (al momento il riscontro è di 11-0 per Tirunesh).
Nella gara di Eugene, cui ho potuto assistere personalmente, Tirunesh non ha effettuato un grande finale, limitandosi a precedere Florence Kiplagat di pochi cm, pur con la miglior prestazione stagionale mondiale di 30’24”39.  Tirunesh, nata il 1° giugno 1985, minuta ma leggermente più muscolata di Vivian (155 x 44 kg), è sempre stata famosa per il suo ultimo giro velocissimo ed una capacità di accelerazione fuori norma.  Ricordiamo un 56”3 in un ultimo giro sui 5000m contro Meseret Defar, ed un folgorante ultimo 200m con cui distrusse proprio Vivian nei Campionati Africani 2010 a Nairobi.
Praticamente imbattibile se in forma, può essere considerata la più grande mezzofondista prolungata di tutti i tempi.  Vanta infatti un doppio oro olimpico sui 5000 e 10000m a Pechino 2008, e 4 titoli mondiali su pista (5000 nel 2003 e 2005. 10000 nel 2005 e 2007), nonché un bronzo olimpico sui 5000 nel 2004, ancora junior, e 4 titoli mondiali nel cross.
Proprio il fatto che, dopo l’infortunio che l’ha praticamente fermata per un paio di stagioni, si sia ricostruita incrementando il volume di corsa lunga, nonché le prove ripetute lunghe in pista, ma abbia volutamente trascurato una parte di allenamento di velocità che da sempre faceva parte del suo bagaglio tecnico, l’ha portata ad incrementare la propria resistenza specifica ad alte velocità, perdendo d’altro canto quella punta che la faceva imbattibile nell’ultimo giro.  Tirunesh, dopo la gara di Eugene, se ne è resa conto, ed a New York, alcuni giorni dopo, ha piazzato un ultimo km in 2’39” sulla progressione, con un ultimo giro da 61”, che francamente non vedo possibile da parte di Vivian.  D’altra parte, Vivian ha sempre sconfitto, negli ultimi 3 anni, Meseret Defar di pochi cm, mentre la rientrante Tirunesh l’ha relegata a 7” di distanza.
VIVIAN CHERUIYOT, nata l’11.09.1983, più minuta rispetto a Tirunesh (155 x 38 kg), è risultata la migliore in assenza della Dibaba, vincendo i titoli mondiali dei 5000 nel 2009 e 2011, anno in cui si è imposta anche sui 10000m e nel cross.  Tutto questo dopo un 2° posto nei Campionati Mondiali 2007, ovviamente dietro alla stessa Tirunesh.
Anche se le mie percentuali sono nettamente a favore di Tirunesh (70% a 30%), come detto non vedo possibilità di inserimento da parte di nessun’altra atleta.
Per il bronzo, la mia favorita è JOYCE CHEPKIRUI, nata il 10.08.1988, di ottima struttura (166 x 47 kg), veloce (lo scorso anno giunse seconda sui 1500 nei Campionati Kenyani) e resistente (ricordiamo il suo ruolo di “pacer” nella maratona di Londra per ben 32 km questa primavera).  Personalmente, la considero più vicina al terzo posto di quanto non consideri SALLY KIPYEGO, nata il 19.12.1985, che vedo lontana dalla condizione dello scorso anno, allorchè seppe conquistare sui 10000m un argento inatteso, giungendo assai vicina a Vivian, per poi ripetere una gara di altissimo livello sui 5000m del meeting di Zurigo.
A parte queste 4 atlete, vedo ancora protagoniste le altre due etiopi : BELAYNESH OLJIRA, nata il 26.06.1990, capace di un 30’26”70 a Eugene alle spalle di Tirunesh e Florence, dimostrando buona personalità (è andata a condurre per alcuni km), e la stagionata WORKENESH KIDANE, di cui nulla possiamo scoprire, e che ha saputo ritornare su buoni livelli dopo la maternità, anche se ancora lontana da quella atleta carismatica di alcuni anni or sono.
No chances, a parer mio, per altre atlete che non siano le africane, a meno che la gara non si svolga su ritmi lentissimi, cosa che non ritengo verosimile.
A livello italiano, NADIA EJJAFFINI potrebbe migliorare il proprio personale, avvicinando i 31’30”.  Con tale tempo, con ogni probabilità un’atleta potrebbe rimanere in un gruppo alle spalle delle africane, per giocarsi una posizione tra il 7° ed il 12° posto.

3000 metri SIEPI  MASCHILI  (Semifinali)
Si correranno 3 semifinali, da cui i primi 4 classificati, più i 3 migliori tempi, accederanno alla finale.
Nella prima, vedo classificati direttamente ABEL MUTAI, il francese MEKHISSI campione europeo, lo statunitense JAGER e l’etiope MESFIN.  L’Ugandese BENJAMIN KIPLAGAT probabilmente provvederà a tenere alto il ritmo, essendo quello meno dotato di spunto finale. Anche se si tratta di un atleta che ha corso in 8’03”, le sue condizioni attuali non paiono troppo brillanti, per cui l’unica chance di qualificazione dovrebbe avvenire tramite il ripescaggio sui migliori tempi.
Nella seconda, BRIMIN KIPRUTO avrà vita facile, con il marocchino BRAHIM TALEB che ultimamente si è mosso assai bene in grado di qualificarsi direttamente.  Anche se quest’anno non ha avuto buoni riscontri, l’ugandese JACOB ARAPTANY ama correre in testa, e probabilmente accadrà anche questa volta.  In tale compito, potrà avere un aiuto dall’etiope BIRHAN GETAHUN, un altro dotato di una tattica aggressiva.
Nella terza ed ultima semifinale, facile compito per EZEKIEL KEMBOI e ROBA GARI, con lo spagnolo VICTOR GARCIA  dotato di buon spunto finale alla finestra.  Il moldavo ION LUCHIANOV dovrebbe probabilmente tentare un ritmo elevato puntando alla qualificazione sui tempi



Renato Canova