domenica 29 luglio 2012

RENATO CANOVA RACCONTA LA STORIA DELLE OLIMPIADI..DECATHLON:QUALI PARAMETRI PER STABILIRE ATLETA PIU COMPLETO


RENATO CANOVA TELLS THE STORY OF THE OLYMPICS .. DECATHLON: WHAT PARAMETERS FOR DETERMINING THE MOST COMPLETE ATHLETE

ALWAYS THE LOVERS AND THE ENGINEERS OF ATHLETICS HAVE TRIED TO FIND THE PARAMETERS TO DETERMINE WHO WAS THE ATHLETE 'S COMPLETE. 

There is a big difference between the sample of a discipline and the ability to be competitive with a high level of versatility. For this reason, in the specialties of athletics there is a multiple race, capable of rewarding the most complete athlete, one that is expressed at levels of excellence in almost all the 10 disciplines that make up the Decathlon. 
The decathlon has always been a discipline for gourmets and connoisseurs. The fact that any technical performance should be converted to a score using a table that has changed several times in the last century, means that the race is difficult to understand. 
However, in recent years, some athletes have managed to create around the decathlon, an aura of interest that did not exist before. 
The first decathlete to make history was the Native American Jim Thorpe. Born in Oklahoma Bellemonte May 28, 1888, turned out as a young athlete can excel not only in different specialties of athletics, but also in different sports. In the 1912 Olympic Games in Stockholm, he won the first Pentathon, then performed in the high jump reaching 4 ° and 7 ° in coming along, and then dominate the decathlon with 8,413 points in the table of the period, scoring the following subfunctions: 
11 "2 in the 100 meters, 6.79 in the long jump, 12.89 in the shot put, high jump in 1.87, 52" 2 on the 400 meters, 15 "6 on the 110 meter hurdles, 36.98 in the discus throw, 3.25 in jumping the auction, 45.70 in the javelin and 4'40 "1 to 1500 meters. 
The problems for Thorpe began soon after the Olympic victory. In fact, Jim spent in professional baseball, lawful thing, but the International Association of Athletics Federation (IAAF) found that, before his Olympic participation, had already played three games getting a refund at that time is not permitted in a pure amateur spirit. He was therefore disqualified, had to return the medals won, and only in 1983 he was given back his victory, posthumous memory. 
Another great decathleta, as active immediately after the war, when the technical level could not be obviously too high, was BOB MATHIAS. Bob won the Olympic gold in two subsequent editions: 1948 in London, and 1952 in Helsinki. In the first case, was only 17 years and 263 days when he realized, on 5/6 August, the score of 7139 points, with partial comparable to those of Thorpe (11 "2 - 6.61 - 13.04 - 1.86 - 51" 7-15 " 7 - 44.00 - 3.50 - 50.32 - 5'11 "). Mathias was so tall and weighing 80 kg 1.90. Four years later, increased weight (88 kg) through the work of improvement, significantly improved their Olympic record and world, producing 7,580 points (7,887 then recalculated with the table in use until 1999), with partial 10 "9 - 6.98 - 15.30 - 1.90 - 50 "2 - 14" 7 - 46.89 - 4.00 - 59.21 - 4'50 "8. 
One of the greatest duels in Olympic specialties took place at the Rome Olympics 1960.They found themselves fighting for the victory two athletes training partners in the same American university: black Rafer Johnson, born in Hillsboro, Texas August 18, 1935, former silver medalist four years ago in Melbourne, world record holder in 1958 in its fourth appearance in the specialty, with leadership reaffirmed in 1960, and Formosano Kwang Yang Chuang. In a test saw both sides some "hole" resounding, such as to assume a clear defeat (for example, Rafer had a staff of 13 "8 on 110 hs, but rebounded off a barrier and ended at 15" 3), with Yang distinct advantage, Johnson was outstanding in the last three disciplines before the 1500 final, regaining the lead for a few points before the most grueling (for a decathlete) specialties. Now every ounce of their energies, and Rafer Yang fought each other with the first to formosano stuck to the finish. The end result was of 8,392 points for Johnson and Yang of 8,334 for, 7,926 and 7,839 then recalculated with the following table. The partial Rafer Johnson (10.9 - 7.35 - 15.82 - 1.85 - 48 "3 - 15" 3 - 48.49 - 4.10 - 69.76 - 4'49 "7) understand what they suffered was the decathlon, which started in a non-positive (its staff on the 100 meters was 10 "4). 
No duel instead for BRUCE JENNER, winner in Montreal with 1976 world record of 8,618 points. A typical example of multi-purpose athlete with a great regularity, but without sharp details, Jenner has gone down in history for improved many personal records during his victorious Olympic decathlon, demonstrating an ability and a competitive psychological balance out of the ordinary. Its partial (10 "94 - 7.22 - 15:35 to 2:03 - 47" 51 - 14 "84 - 50.04 - 4.80 - 68.52 - 4'12" 61) are still representative of the best feasible during the second day, thanks to excellent launches and 1500 meters to a final out of the norm for most of the decatleti. 
Who was the architect of the enhancement of Daley Thompson's decathlon is instead colored British Jamaican descent. Born in London July 30, 1958, may be considered the greatest decathlete of all time. His palmarèe is very clear on this: 2 Olympic titles (Moscow 1980 and Los Angeles 1984 with world record), a world title (Helsinki '83), 2 gold medals in European Championships (1982 Athens and 1986 in Stuttgart, the latter accompanied by a bronze in the 4x100 as the first runner!) plus a silver, barely twenty, in 1978 in Prague, four firsts in the world (8648 points May 18, 1980 at Goetzis, 8730 still Goetzis May 23, 1982, winning the 8774 Championship Europeans in Athens on 8 September 1982 and finally in his successful 8847 Olympics in Los Angeles 1984). But, above all, its ability to be a showman, able to raise his duels with the German friend Jurgen Hingsen in audience levels are absolutely unreachable for a decathlon competition. 
Its partial Los Angeles show the versatility of the great British Empire (10 "44 - 8.01 - 15.72 - 2.03 - 46" 97 - 14 "33 - 46.56 - 5.00 - 65.24 - 4'35" 00), which also boasts a record of 10 "26 on 100 and 20" 88 in the 200 meters. 
His greatness in the specialty and its action in favor of multiple trials did Daley a recognized leader by all decatleti. In his last Olympic appearance, in Seoul 1988, not completely positive for a series of injuries that caused his retirement immediately after the Games (a 4 th place was still significant), all decatleti awaited his arrival to 1500 meters to bring it in triumph for an entire lap as recognition to an incomparable career.From that day began that wonderful tradition of the lap of honor for all participants, signifying that the decathlon is the specialty that combines the most part of athletics, and all participants deserve a great respect for everything about behind their performance: normally over 6 hours of daily training.

RENATO CANOVA



ITALIAN VERSION:


DA SEMPRE GLI APPASSIONATI ED I TECNICI DI ATLETICA LEGGERA HANNO CERCATO DI TROVARE DEI PARAMETRI PER STABILIRE CHI FOSSE L’ATLETA PIU’ COMPLETO.

C’è una grande differenza tra il campione di una disciplina e la capacità di essere competitivi con una polivalenza di alto livello.  Per tale ragione, nelle specialità dell’atletica leggera troviamo una gara multipla, capace di premiare l’atleta più completo, quello che si esprime su livelli di eccellenza in quasi tutte le 10 discipline che compongono il DECATHLON.
Il decathlon è sempre stata una disciplina per palati fini, e veri intenditori.  Il fatto che ogni prestazione tecnica debba essere convertita in un punteggio tramite una tabella che è variata diverse volte nell’ultimo secolo, fa si che la gara sia di difficile comprensione.
Tuttavia, negli ultimi anni alcuni atleti sono riusciti a creare, intorno al decathlon, un’aurea di interesse che prima non esisteva.
Il primo decatleta ad entrare nella storia è stato il nativo americano Jim Thorpe. Nato a Bellemonte in Oklahoma il 28 maggio 1888, si rivelò giovanissimo come atleta in grado di eccellere non solo in diversa specialità dell’atletica leggera, ma addirittura in diversi sport.  Nei Giochi Olimpici del 1912 a Stoccolma, dapprima vinse il Pentathon, poi si esibì nel salto in alto giungendo 4° e nel lungo giungendo 7°, per poi dominare il decathlon con 8.413 punti della tabella dell’epoca, segnando i seguenti parziali :
11”2 sui 100 metri, 6.79 nel salto in lungo, 12.89 nel lancio del peso, 1.87 nel salto in alto, 52”2 sui 400 metri, 15”6 sui 110 metri ostacoli, 36.98 nel lancio del disco, 3.25 nel salto con l’asta, 45.70 nel lancio del giavellotto e 4’40”1 sui 1500 metri.
I problemi per Thorpe iniziarono subito dopo la vittoria olimpica.  Infatti, Jim passò professionista nel baseball, cosa lecita, ma la Federazione Internazionale di Atletica (IAAF) scoprì che, prima della sua partecipazione olimpica, già aveva disputato tre partite ricevendo un rimborso spese, a quel tempo non lecito secondo un puro spirito amatoriale.  Venne pertanto squalificato, dovette restituire la medaglia conquistata, e soltanto nel 1983 gli venne ridata la vittoria ottenuta, a memoria postuma.
Un altro grande decathleta, per quanto attivo nell’immediato dopoguerra, quando il livello tecnico non poteva essere ovviamente troppo elevato, fu BOB MATHIAS.  Bob vinse l’oro olimpico in due successive edizioni : 1948 a Londra, e 1952 ad Helsinki.  Nel primo caso, aveva soltanto 17 anni e 263 giorni quando realizzò, il 5/6 agosto, il punteggio di 7.139 punti, con parziali paragonabili a quelli di Thorpe (11”2 – 6.61 – 13.04 – 1.86 – 51”7 – 15”7 – 44.00 – 3.50 – 50.32 – 5’11”).  Mathias era allora alto 1,90 e pesante 80 kg. Quattro anni dopo, cresciuto di peso (88 kg) grazie al lavoro di potenziamento, migliorò nettamente il proprio primato olimpico e mondiale, realizzando 7.580 punti (poi ricalcolati in 7.887 con la tabella in uso fino al 1999), con parziali di 10”9 – 6.98 – 15.30 – 1.90 – 50”2 – 14”7 – 46.89 – 4.00 – 59.21 – 4’50”8.
Uno dei più grandi duelli olimpici nella specialità ebbe luogo alle Olimpiadi di Roma 1960.  Si ritrovarono a combattere per la vittoria due atleti compagni di allenamento nella stessa Università americana : il nero Rafer Johnson, nato a Hillsboro in Texas il 18 agosto 1935, già medaglia d’argento quattro anni prima a Melbourne, primatista mondiale nel 1958 alla sua quarta apparizione nella specialità, con primato ribadito nel 1960, e il Formosano Yang Chuang Kwang.  In una prova che vide da ambedue le parti qualche “buco” clamoroso, tale da ipotizzare una chiara sconfitta (per esempio, Rafer aveva un personale di 13”8 sui 110 hs, ma incocciò una barriera e terminò in 15”3), con Yang in netto vantaggio, Johnson fu eccezionale nella ultime tre discipline prima dei 1500 finali, riportandosi in testa per pochi punti prima della più massacrante (per un decatleta) specialità.  Ormai allo stremo delle loro energie, Rafer e Yang si dettero battaglia con il primo appiccicato al formosano fino al traguardo.  Il risultato finale fu di 8.392 punti per Johnson e di 8.334 per Yang, poi ricalcolati in 7.926 e 7.839 con la tabella successiva.  I parziali di Rafer Johnson (10.9 – 7.35 – 15.82 – 1.85 – 48”3 – 15”3 – 48.49 – 4.10 – 69.76 – 4’49”7) fanno capire quanto sofferto fu quel decathlon, iniziato in maniera non positiva (il suo personale sui 100 metri era 10”4).
Nessun duello invece per BRUCE JENNER, vincitore a Montreal 1976 col primato mondiale di 8.618 punti.  Tipico esempio di atleta polivalente dotato di una eccezionale regolarità, ma senza acuti particolari, Jenner è passato alla storia per aver migliorato molti primati personali durante il suo vittorioso decathlon olimpico, dimostrando una capacità agonistica ed un equilibrio psicologico fuori del comune.  I suoi parziali (10”94 – 7.22 – 15.35 – 2.03 – 47”51 – 14”84 – 50.04 – 4.80 – 68.52 – 4’12”61) sono ancora oggi rappresentativi del meglio realizzabile nell’arco della seconda giornata, grazie ad ottimi lanci ed a un 1500 metri finale fuori norma per la maggior parte dei decatleti.
Chi fu l’artefice della valorizzazione del decathlon è invece Daley Thompson, colorato britannico di discendenza giamaicana.  Nato a Londra il 30 luglio 1958, può essere considerato il più grande decatleta di sempre.  Il suo palmarèe è molto chiaro al riguardo : 2 titoli olimpici (Mosca 1980 e Los Angeles 1984 con primato mondiale), un titolo mondiale (Helsinki ’83), 2 ori nei Campionati Europei (1982 ad Atene e 1986 a Stoccarda, quest’ultimo corredato da un bronzo nella 4x100 come primo frazionista !) più un argento, appena ventenne, nel 1978 a Praga, 4 primati del mondo (8.648 punti il 18 maggio 1980 a Goetzis, 8.730 ancora a Goetzis il 23 maggio 1982, 8.774 vincendo i Campionati Europei di Atene l’8 settembre 1982 ed infine 8.847 nella sua vittoriosa Olimpiade di Los Angeles 1984).   Ma, soprattutto, la sua capacità di essere uno show-man, capace di innalzare i suoi duelli con l’amico tedesco Jurgen Hingsen a livelli di audience assolutamente inarrivabili per una gara di decathlon.
I suoi parziali di Los Angeles dimostrano l’ecletticità del grande britannico : (10”44 – 8.01 – 15.72 – 2.03 – 46”97 – 14”33 – 46.56 – 5.00 – 65.24 – 4’35”00), che vanta anche un primato di 10”26 sui 100 e di 20”88 sui 200 metri.
La sua grandezza nella specialità e la sua azione a favore delle prove multiple fecero di Daley una leader riconosciuto da tutti i decatleti.  Nella sua ultima apparizione olimpica, a Seoul 1988, non completamente positiva per una serie di infortuni che provocarono il suo ritiro dall’attività subito dopo i Giochi (fu comunque un 4° posto significativo), tutti i decatleti attesero il suo arrivo sui 1500 metri per portarlo in trionfo per un intero giro di pista come riconoscimento ad una carriera ineguagliabile.  Da quel giorno iniziò quella meravigliosa tradizione del giro d’onore per tutti i partecipanti, a significare che il decathlon è la specialità che più unisce nell’ambito dell’atletica, e che tutti i partecipanti meritano un grande rispetto per riguardo a tutto quello che sta dietro alle loro prestazioni : normalmente oltre 6 ore di allenamento giornaliero.


RENATO CANOVA