venerdì 27 luglio 2012

RENATO CANOVA RACCONTA LA STORIA DELLE OLIMPIADI.4 VOLTE CONSECUTIVE VINCITORI DI MEDAGLIE D'ORO NELLA STESSA SPECIALITA' :AL OERTER E CARL LEWIS


RENATO CANOVA TELLS THE STORY OF THE OLYMPICS: 4 TIMES CONSECUTIVE WINNERS OF GOLD MEDALS IN THE SAME SPECIALITY:Al OERTER AND CARL LEWIS 


HISTORY OF THE OLYMPIC GAMES IN ultra secular, in individual sports, athletes are only 2 managed to win 4 times in a row in the same specialty, and they are champions of Athletics. 
We refer to Alfred Oerter and Carl Lewis. 
Alfred Oerter, born in New York June 19, 1936, was perfect for an athlete discipline throw. High 193 and 127 kg heavier in the period of its highest form, was probably the most advanced technical model of the specialty, and certainly an example of how to manage stress before a big event. 
Early twenties, in 1956 he defeated the then world record holder Fortune Gordien in Melbourne, winning his first gold record with personal (and improved Olympic Record) of 56.36m. 
In 1960 in Rome dueled with another American, Rink Babka, then world record holder, and of course he won his second gold by raising the Olympic record at 59.18m. 
After this period, he lived a few seasons of great continuity, improving himself at least four times the world record: 61.10 May 18, 1962 in Los Angeles, 62.25 on 1 July of that year in Chicago, and then, in its preferred meeting Walnut, California, April 27, 1963 62.62, and 62.94 25 April 1964. 
Immediately after this record, Al suffered a serious back problem, with partial escape of an intervertebral disk from its seat. This injury did not stop him from winning his third gold in Tokyo showed up with a protection made ​​of a high leather belt, which also forced him to change throwing technique, preventing a complete rotation of the torso and riducendogli the explosive capability. The world record was the Czechoslovak Ludvik Danek, who brought in the lead. Alfred groped decided to go for broke on the fifth launch, took off his belt, regardless of pain, and he won the gold with new Olympic record of 61 meters accurate. 
In 1968, his form was good, but Alfred does not raced frequently. However, in Mexico City is presented with the clear intention of winning for the fourth consecutive time, and froze all other competitors with an initial launch of 64.68m, personal best and Olympic, which earned him a victory as to raise it on the highest podium among all the Olympic heroes. 
He retired after this exploit, could not resist the temptation of a sensational return to the Olympics in 1980. Riallenatosi with perseverance, he established an impressive personal best of 69.46m at the age of almost 44 years, but he could realize his dream of a fifth Olympic medal for the boycott of the Games in Moscow by the Americans. 
CARL LEWIS needs no introduction, but probably not everyone knows the details of his incredible career. Born in Birmingham in the U.S. on June 1, 1961, Carl immediately entered the elite athletics when, barely 18 years old, jumped into the long 8.13.Determined to emulate Jesse Owens, Carl began to make progress also in the speed, running the 100m in 10 "21 as a junior. 
His progress was amazing. Elegant in the race, has launched a phase unstoppable, the perfect jumping technique, immediately became the greatest long jumper of all time. 
Although Olympic gold medals and world on 100 that is about 200m, and obviously in the 4x100, long jump was always his favorite dishes. 
Carl won his first Olympic gold in long jump in Los Angeles in 1984, accompanied, however, with wins in the 100 and 200m and 4x100: Jesse Owens was reached. But, unlike his idol, stopped by the war, Carl continued with relentless determination: 2 golds (100m long) and a silver (200m) in 1988, two golds (long and 4x100) in 1992, finally, now 35 year old along with a final gold in Atlanta in '96. His total of Olympic medals is therefore of 9 gold medals and one silver. 
All these benefits were accompanied by 8 victories in the World Championships, plus a silver and a bronze. 
The victories were achieved in 1983 (100, 4x100 and long), repeated in 1987 in the same specialty, and again in 1991 (100 and 4x100). The bronze in the 200m was achieved in 1993, and, oddly, his only defeat in the long over 13 years of major championship was right in what is considered the most dramatic battle ever on one platform. 
We talk about the World Championships in Tokyo (1991), when, despite a series of amazing leaps, ended with a breezy 8.91 after a 8.86 regular, Mike Powell relegated to second place, improving 5cm the legendary world record of Bob Beamon (8.90) established in 1968 in Mexico City. 
Carl Lewis was the 100m world record with 9 "86 by winning the World Championships in Tokyo (August 25, 1961), is still the record holder and world indoor long jump with 8.79 in January 1984 in New York. 
This is summarized its unparalleled career: 
 100m   200m   Long 
1979 (18 years)   8.13 
1980 (19 years)   10 "21/10" 16w   8.11 / 8.35w 
1981 (20 years)   10 "00/9" 99W   8.62 / 8.73w 
1982 (21 years)   10 "00   20 "27   8.76 
1983 (22 years)   9 "97/9" 93W   19 "75   8.79 
1984 (23 years)   9 "99   19 "80   8.71 / 8.79 indoor 
1985 (24 years)   9 "98/9" 90w   8.62 / 8.77w 
1986 (25 years)   10 "06/9" 91W   8.35 / 8.67w 
1987 (26 years)   9 "93   19 "92   8.75 / 8.77w 
1988 (27 years)   9 "92/9" 78W   19 "79   8.76 
1989 (28 years)   10 "05   20 "47   8:54 
1990 (29 years)   10 "05   8:51 
1991 (30 years)   9 "86 WR   20 "46   8.87 / 8.91w 
1992 (31 years)   10 "07/9" 95W   20 "15   8.68 / 8.72w 
1993 (32 years)   10 "02/9" 90w   19 "99   1994 (33 years)   10 "04   8.66 / 8.68w 
1995 (34 years)   10 "12/9" 94W   20 "28   8.00 / 8.45w 
1996 (35 years)   10 "03/9" 94W   20 "19   8:50 
1997 (36 years)   10 "50 
In the long jump, Carl made ​​a sequence of 50 consecutive victories remaining undefeated for 11 years (from 6 June 1980 to 15 June 1991). It exceeded 8.70m in 15 different occasions, 8.60 in 29 chances and 8:50 in 50 occasions, with an average of 8,754 in his best 10 races. 
But he was also a sprinter can go below the 10 "00 to 30 times (average of the best performances 10 9" 936), and 20 "00 on 200 for 10 times (average 19" 875). 
In view of these results, it is safe to talk about Carl Lewis as the most representative of the athlete of all time.

RENATO CANOVA



ITALIAN VERSION:


NELLA  ULTRASECOLARE STORIA DEI GIOCHI OLIMPICI, negli sport individuali, solo 2 atleti sono riusciti a vincere per ben 4 volte consecutive nella stessa specialità, e si tratta di campionissimi dell’atletica leggera.
Ci riferiamo a Alfred Oerter ed a Carl Lewis.
ALFRED OERTER, nato a New York il 19 giugno 1936, era un atleta perfetto per la disciplina di lancio del disco.  Alto 193 e pesante 127 kg nel suo periodo di massima forma, ha rappresentato probabilmente il modello tecnico più evoluto della specialità, e sicuramente un esempio su come gestire le tensioni prima di un grande evento.
Appena ventenne, nel 1956 sconfisse l’allora primatista mondiale Fortune Gordien a Melbourne, vincendo il suo primo oro con record personale (e record olimpico migliorato) di 56.36m.
Nel 1960 a Roma duellò con un altro statunitense, Rink Babka, allora primatista mondiale, e naturalmente vinse il suo secondo oro elevando il primato olimpico a 59.18m.
Dopo tale periodo, visse alcune stagioni di grande continuità, migliorando lui stesso per ben 4 volte il primato mondiale : 61.10 il 18 maggio 1962 a Los Angeles, 62.25 il 1° luglio dello stesso anno a Chicago, e quindi, nella sua preferita riunione di Walnut in California, 62.62 il 27 aprile 1963, e 62.94 il 25 aprile 1964.
Subito dopo tale record, Al sofferse di un grave problema alla schiena, con parziale fuoruscita di un disco intervertebrale dalla sua sede.  Questo infortunio non lo fermò dal vincere il suo terzo oro : a Tokyo si presentò con una protezione costituita da una alta cintura di cuoio, che peraltro lo costrinse a mutare tecnica di lancio, impedendogli una completa rotazione del busto e riducendogli la capacità esplosiva.  Il primatista mondiale era il cecoslovacco Ludvik Danek, che si portò in testa alla gara.  Alfred decise di tentare il tutto per tutto al quinto lancio : si tolse la cintura, incurante del dolore, e conquistò l’oro con il nuovo record olimpico di 61 metri esatti.
Nel 1968 la sua forma era buona, ma Alfred non gareggiò con frequenza.  Tuttavia, a Città del Messico si presentò col chiaro intento di vincere per la quarta volta consecutiva, e gelò tutti gli altri concorrenti con un primo lancio di 64.68m, record personale ed olimpico, che gli valsero una vittoria tale da innalzarlo sul più alto podio tra tutti gli eroi olimpici.
Ritiratosi dopo questo exploit, non seppe resistere alla tentazione di un clamoroso ritorno in vista delle Olimpiadi del 1980.  Riallenatosi con costanza, stabilì un incredibile primato personale di 69.46m alla età di quasi 44 anni, ma non potè coronare il sogno di una quinta medaglia olimpica per il boicottaggio dei Giochi di Mosca da parte degli americani.
CARL LEWIS non ha bisogno di presentazioni, ma probabilmente non tutti conoscono i particolari della sua incredibile carriera.  Nato a Birmingham in US il 1° giugno 1961, Carl si entrò immediatamente nel Gotha dell’atletica quando, appena 18enne, saltò in lungo 8.13.  Determinato ad emulare Jesse Owens, Carl iniziò a progredire anche nella velocità, correndo i 100m in 10”21 da junior.
I suoi progressi furono incredibili.  Elegante nella corsa, dotato di una fase lanciata inarrestabile, perfetto nella tecnica di salto, divenne fin da subito il più grande saltatore in lungo di sempre.  
Nonostante medaglie d’oro olimpiche e mondiali sia sui 100 che sui 200m, ed ovviamente nella 4x100, il salto in lungo rimase sempre la sua specialità preferita.
Carl vinse il suo primo oro olimpico nel salto in lungo a Los Angeles nel 1984, corredandolo peraltro con le vittorie nei 100 e 200m e nella 4x100 : Jesse Owens era raggiunto.  Ma, al contrario del suo idolo, stoppato dalla guerra, Carl continuò con implacabile determinazione : 2 ori (lungo e 100m) ed un argento (200m) nel 1988, due ori (lungo e 4x100) nel 1992, per finire, ormai 35enne, con un ultimo oro nel lungo ad Atlanta ’96.   Il suo totale di medaglie olimpiche è pertanto di 9 ori ed un argento.
Tutte queste prestazioni vennero corredate da 8 vittorie nei Campionati Mondiali, più un argento ed un bronzo.
Le vittorie furono conseguite nel 1983 (100, lungo e 4x100), ripetute nel 1987 nelle stesse specialità, ed ancora nel 1991 (100 e 4x100).  Il bronzo fu conseguito nei 200m del 1993, e, stranamente, la sua unica sconfitta nel lungo nell’arco di 13 anni di grandi Campionati venne proprio in quello che viene considerato il più eclatante duello di sempre su di una pedana.
Parliamo dei Campionati Mondiali di Tokyo (1991), quando, nonostante una serie di salti incredibile, conclusa con un 8.91 ventoso dopo un 8.86 regolare, Mike Powell lo relegò al secondo posto, migliorando di 5cm il leggendario primato mondiale di Bob Beamon (8.90) stabilito nel 1968 a Città del Messico.
Carl Lewis fu primatista mondiale dei 100m con 9”86 vincendo i Campionati Mondiali di Tokyo (25 agosto 1961), ed è tuttora il primatista mondiale indoor di salto in lungo con 8.79 nel gennaio 1984 a New York.
Ecco riassunta la sua ineguagliabile carriera  :
100m 200m Lungo
1979  (18 anni) 8.13
1980  (19 anni) 10”21  / 10”16w 8.11 / 8.35w
1981  (20 anni) 10”00 / 9”99w 8.62 / 8.73w
1982  (21 anni) 10”00 20”27 8.76
1983  (22 anni) 9”97 / 9”93w 19”75 8.79
1984  (23 anni) 9”99 19”80 8.71 / 8.79 indoor
1985  (24 anni) 9”98 / 9”90w 8.62 / 8.77w
1986  (25 anni) 10”06 / 9”91w 8.35 / 8.67w
1987  (26 anni) 9”93 19”92 8.75 / 8.77w
1988  (27 anni) 9”92 / 9”78w 19”79 8.76
1989  (28 anni) 10”05 20”47 8.54
1990  (29 anni) 10”05 8.51
1991  (30 anni) 9”86  WR 20”46 8.87 / 8.91w
1992  (31 anni) 10”07 / 9”95w 20”15 8.68 / 8.72w
1993  (32 anni) 10”02 / 9”90w 19”99
1994  (33 anni) 10”04 8.66 / 8.68w
1995  (34 anni) 10”12 / 9”94w 20”28 8.00 / 8.45w
1996  (35 anni) 10”03 / 9”94w 20”19 8.50
1997  (36 anni) 10”50

Nel salto in lungo, Carl realizzò una sequenza di 50 vittorie consecutive rimanendo imbattuto per ben 11 anni (dal 6 giugno 1980 al 15 giugno 1991).  Ha superato 8.70m in 15 diverse occasioni, 8.60 in 29 occasioni ed 8.50 in 50 occasioni, con una media di 8.754 nelle sue migliori 10 gare.
Ma è stato anche uno sprinter in grado di scendere al di sotto dei 10”00 per 30 volte (media delle migliori 10 performances 9”936), e dei 20”00 sui 200 per 10 volte (media 19”875).
In virtù di questi risultati, non è azzardato parlare di Carl Lewis come dell’atleta più rappresentativo di tutti i tempi.


RENATO CANOVA