giovedì 26 luglio 2012

RENATO CANOVA RACCONTA LA STORIA DELLE OLIMPIADI:SALTO CON L’ASTA E LANCIO DEL GIAVELLOTTO : SPECIALITA’ LEGATE ALLA EVOLUZIONE DELL’ATTREZZO:


POLE VAULT AND THE JAVELIN THROW: SPECIALTY 'LINKED TO THE EVOLUTION OF THE TOOL.

Always the pole vault is considered one of the most spectacular disciplines of athletic world, but its development has been facilitated by the use of more and more effective in the construction of the auctions themselves. 
Established initially as an appendix to the world of gymnastics, the specialty can be revisited talking about different "eras": that of bamboo, one of the metal and finally that of glass fiber or carbon. 
In the age of the bamboo are the largest specialist in the history of Sergey Bubka first: Cornelius Warmerdam, American born in Long Beach June 22, 1915, which brought the first world record to 4.60 in 1940, then to 4.72 in '41 and finally to 4.77 in '42. Warmerdam was the first person to overcome the important hight of 15 feet (4.57), but its magnitude is given by the fact that, before the rod of metal, was able to overcome the same proportion for less than 43 times, when the world no other athlete had won the event again (and this type of domain was even higher than that of Sergey Bubka in recent years). Cornelius could not crown his career with an Olympic medal, because in his best years (1940-1944) the Games were not held due to World War II. However, in the history of athletics his figure is of historical importance of the highest. 
His world record was beaten by Bob Gutowski, U.S. despite the name of Polish origin, a small cm. (4.78 in 1957), using a metal tool. This was therefore the beginning of the era of metal, which, apart from the world record, saw excel at the Olympic level, the Reverend Robert Eugene Richards, aka Bob, born in Champaign, Illinois February 20, 1926. Richards, nicknamed "The Vicar Vaulter" (in Italian, "the flying priest"), competed in three Olympics, winning two (Helsinki 1952 and Melbourne 1956) and getting a bronze in his first appearance (London 1948). Being a versatile Melbourne also participated in the Decathlon, finishing in 13 th place. 
The metal had virtually ended with the Olympic victory in Rome in 1960 by Don Bragg, however, able to dethrone World Gutowski with the new limit of 4.80. 
At this point, began the modern era: one linked to the flexible rods, which have raised their level of technical performance, what is the show. 
For the jumpers of that generation, it was to develop a new technique, quite different from that hitherto adopted. For this reason, not found a true ruler of the period, but a succession of primates to work of U.S.: Brian Sternberg to 5.08 in '63, to reach in a few years (1969) through a series of duels signed Bob Seagren and John Pennel to a record of 5:44 made ​​by the latter. In the list of record holders are also some Europeans, such as the East German Wolfgang Nordwig Papanikolau and Greek, until the Swede Kjell Isaksson, who was the first to exceed 5:50 (5:51 in 1972). 
Through a further series of records obtained from different athletes, we finally arrive at the greatest of all time: Sergey Bubka, the Ukrainian world record again with a large margin, with strokes of 1 cm at a time was able to raise the limit up to 6.14 nell'italianissimo Meeting of the Sestriere, and even at 6.15 level indoors. The emotion felt by the world of athletics when he passed July 13, 1985, the first man in the world, 6 m, was later tempered by the near certainty of a new record every time down on the runway. Sergey, Olympic winner only once (Seoul 1988), has never been too lucky in the year of the Games: penalized by crosswinds in 1992 and absent through injury in 1996 ended his career, now 37 year old and full of aches and pains, with zero to three original measure in 2000 in Sydney. 
But his palmarees is impressive: 6 times world champion outdoors ('83 / '87 / 91/93/95/97), 4 times indoors (85/87/91/95), as well as an incredible sequence of world records. 
UWE Hohn, OR BECAUSE OF THE CHANGE OF TOOL IN THE JAVELIN THROW. 
The other specialty strongly influenced by the change of gear is the javelin. 
Originally made ​​from birch wood, the javelin was mainly practiced in the Nordic countries in the years preceding World War II. The official chronology begins with a Swede, Eric Lemming (62.32m in 1912), and reached a moment of absolute excellence with the Finn Matti Jarvinen, born February 18, 1909 in Tampere, for VHE improved the world record 10 times by bringing 71.57 in 1930 to 77.23 in 1934. Jarvinen won the Olympics in 1932, and had a special tribute by his Government, which at the time of building the tower that stands on the Olympic Stadium in Helsinki, he decided to have the same height of the then his world record (76.73m) , later improved. 
The first man to pass 80 meters was an American, Franklin Bud Held, who was also the first to use a metal tool. Held that he was the creator of this new type of javelin: section larger than normal, it appeared capable of sailing in a much better apparatus birch, and could be favored by the wind. Held at 80.41 launched in 1953, and raised the limit worldwide to 81.75 in 1955, but was unable to win the Olympics. His name is linked in the history of athletics, rather than the goodness of his performance, design and realization of the spear that bore his name. 
With that kind of tool, the global limit was continuously increased. One of the record holders was, in 1961, the Italian Carlo Lievore, who charmed the world with a throw of 86.74m athletic realized in the Arena of Milan on 1 June 1961. 
The two greatest interpreters of the specialty, with the tool "Held," were undoubtedly the Latvian Janis Lüsis, born May 19, 1939 in Jelgava, winner at Seoul in 1988, after a bronze in '64 and Tokyo before a silver in Monaco '72, where in fact he was robbed of a legitimate gold (but this will be covered in another chapter) in favor of local Wolfermann. Lüsis, winner of 4 European Championships ('62 / '66 / 69/71), was twice world record holder, first with 91.98m in 1968, then with 93.80 in 1972. 
But it was the German Democratic Uwe Hohn, a giant muscle and rather full of explosives, to declare the end of the spear "Held", when, in 1984, smashed the world record with a throw of 104.80m, which could not be achieved in many stages .... And for this reason the IAAF decided to move the center of gravity of the tool forward, thereby shortening the trajectory of the javelin, and reducing the possibility of sailing. 
Despite this variation, an athlete, which is considered the largest specialist always, the Czech Jan Zelezny, went back the barrier of 100 meters, with the current record set at 98.48. 
Zelezny's career was born June 16, 1966 in Mlada Boleslaw, is something incredible.Good structure (186 x 88 kg), however, not comparable to that of Uwe Hohn, Zelezny had a serious back injury, and the doctors advised against it from continuing in the specialty, otherwise the possibility of paralysis. Jan stopped for a season (1991) devoted to strengthen your back and throwing technique to change, and went superbly, remaining the best pitcher in the world for a very long period. 
His palmarees is amazing: 5 primates in the world, 3 Olympic victories (1992/96/2000) plus a silver medal in Seoul 1988, 3 world titles (1993/95/2001), a sequence of 106 wins from 135 matches in which he participated , 34 performances over 90m with an average of the top 10 performance of 94.008m. 
Surely the greatest of all time, as evidenced by his career>: 
1986   (20 years)   75.90 
1987   (21 years)   87.66   RM 
1988   (22 years)   86.88 
1989   (23 years)   84.74 
1990   (24 years)   86.52 
1991   (25 years)   inactive 
1992   (26 years)   90.18 
1993   (27 years)   95.66   RM 
1994   (28 years)   91.82 
1995   (29 years)   92.28 
1996   (30 years)   98.48   RM 
1997   (31 years)   94.02 
1998   (32 years)   inactive 
1999   (33 years)   89.06 
2000   (34 years)   90.59 
2001   (35 years)   92.80 
2002   (36 years)   87.77 
2003   (37 years)   89.06 
2004   (38 years)   86.12 
2005   (39 years)   83.98 
2006   (40 years)   86.07 
Zelezny is now the head coach of the javelin in the Czech Republic, and not coincidentally the progress of Vesely are located on the great human and technical capacity. 

RENATO CANOVA


ITALIAN VERSION:



SALTO CON L’ASTA E LANCIO DEL GIAVELLOTTO : SPECIALITA’ LEGATE ALLA EVOLUZIONE DELL’ATTREZZO

Da sempre il salto con l’asta è considerato una delle più spettacolari discipline del mondo atletico, ma la sua evoluzione è stata favorita dall’uso di materiali sempre più efficaci nella costruzione delle aste stesse.
Nata inizialmente come appendice al mondo della ginnastica, la specialità può essere rivisitata parlando di diverse “ere” : quella del bambù, quella del metallo ed infine quella della fibra di vetro o di carbonio.
Nell’era del bambù troviamo il più grande specialista della storia prima di Sergey Bubka : Cornelius Warmerdam, statunitense nato a Long Beach il 22 Giugno 1915, che portò il primato mondiale dapprima a 4.60 nel 1940, quindi a 4.72 nel ’41 ed infine a 4.77 nel ’42.  Warmerdam fu il primo uomo a superare la fatidica quota di 15 piedi (4.57), ma la sua grandezza è data dal fatto che, prima dell’asta di metallo, fu in grado di superare la stessa quota per ben 43 volte, quando al mondo nessun altro atleta era ancora riuscito nell’impresa (e questo tipo di dominio è stato addirittura superiore a quello di Sergey Bubka negli anni recenti).  Cornelius non potè coronare la carriera con una medaglia Olimpica, perché nei suoi anni migliori (1940-1944) i Giochi non si svolsero a causa della seconda guerra mondiale.  Tuttavia, nella storia dell’atletica leggera la sua figura riveste una rilevanza storica di primissimo livello.
Il suo primato mondiale fu battuto da Bob Gutowski, statunitense nonostante il nome di origine polacca, di un piccolo cm. (4.78 nel 1957), usando un attrezzo di metallo.  Questo fu pertanto l’inizio dell’era del metallo, che, a parte il primato mondiale, vide primeggiare a livello olimpico il Reverendo Robert Eugene Richards, in arte Bob, nato a Champaign nell’Illinois il 20 febbraio 1926.   Richards, soprannominato “The Vaulter Vicar” (in Italiano, “il prete volante”), partecipò a ben tre olimpiadi, vincendone due (Helsinki 1952 e Melbourne 1956) ed ottenendo un bronzo nella sua prima apparizione (Londra 1948).  Essendo un polivalente, a Melbourne partecipò anche al Decathlon, finendo al 13° posto.
L’era del metallo praticamente finì con la vittoria olimpica di Roma 1960 da parte di Don Bragg, peraltro capace di detronizzare Gutowski con il nuovo limite mondiale di 4.80.
A questo punto, ha inizio l’era moderna : quella legata alle aste flessibili, che hanno innalzato sia il livello delle prestazioni tecniche, sia quello dello spettacolo.
Per i saltatori di quella generazione, si trattava di sviluppare una nuova tecnica, del tutto diversa da quella fino ad allora adottata.  Per questa ragione, non si ritrova un vero dominatore del periodo, ma una successione di primati ad opera degli statunitensi : Brian Sternberg a 5.08 nel ’63, per giungere in pochi anni (1969) attraverso una serie di duelli firmati Bob Seagren e John Pennel, ad un record di 5.44 realizzato da quest’ultimo.  Nell’elenco dei primatisti troviamo anche alcuni Europei, quali il tedesco orientale Wolfgang Nordwig ed il Greco Papanikolau, fino allo svedese Kjell Isaksson, che fu il primo a superare i 5.50 (5.51 nel 1972).  
Attraverso una ulteriore serie di primati conseguiti da atleti diversi, arriviamo finalmente al più grande di sempre : Sergey Bubka, l’Ucraino ancora primatista mondiale con ampio margine, che a colpi di 1 cm alla volta fu in grado di innalzare il limite fino a 6.14 nell’italianissimo meeting del Sestriere, ed addirittura a 6.15 a livello indoor.  La emozione provata dal mondo dell’atletica quando il 13 Luglio 1985 superò, primo uomo al mondo, i 6 metri, venne in seguito stemperata dalla quasi certezza di un nuovo primato ogni qualvolta scendeva in pedana.  Sergey, vincitore olimpico una volta soltanto (Seoul 1988), non fu mai troppo fortunato negli anni dei Giochi : penalizzato dal vento laterale nel 1992 ed assente per infortunio nel 1996, finì la carriera, ormai 37enne e pieno di acciacchi, con 3 nulli alla misura iniziale nel 2000 a Sydney.
Ma il suo palmarees è impressionante : 6 volte consecutive campione mondiale all’aperto (‘83/’87/91/93/95/97), 4 volte al coperto (85/87/91/95), oltre ad una sequenza incredibile di primati mondiali.
UWE HOHN, OVVERO IL MOTIVO DEL CAMBIO DI ATTREZZO NEL LANCIO DEL GIAVELLOTTO.
L’altra specialità fortemente influenzata dal cambio di attrezzo è il lancio del giavellotto.
Originariamente fatto con legno di betulla, il giavellotto fu soprattutto praticato nei Paesi nordici negli anni precedenti la seconda guerra mondiale.  La cronologia ufficiale inizia con uno svedese, Eric Lemming (62.32m nel 1912), per poi raggiungere un momento di assoluta eccellenza con il finlandese Matti Jarvinen, nato a Tampere il 18 febbraio 1909, vhe migliorò il primato mondiale per ben 10 volte portandolo da 71.57 nel 1930 a 77.23 nel 1934.  Jarvinen vinse le Olimpiadi del 1932, ed ebbe un tributo particolare da parte del suo governo, che, al momento di costruire la torre che troneggia sullo stadio Olimpico di Helsinki, decise di farla della stessa altezza dell’allora suo primato mondiale (76.73m), in seguito migliorato.
Il primo uomo a passare gli 80 metri fu uno statunitense, Franklin Bud Held, che fu anche il primo ad utilizzare un attrezzo di metallo.  Held fu il creatore stesso di questo nuovo tipo di giavellotto : di sezione più grande del normale, si presentava in grado di veleggiare in maniera assai migliore dell’attrezzo di betulla, e poteva essere favorito dal vento contrario.  Held lanciò a 80.41 nel 1953, ed elevò il limite mondiale a 81.75 nel 1955, ma non fu in grado di vincere le Olimpiadi.  Il suo nome nella storia dell’atletica leggera è legato, più che alla bontà delle sue prestazioni, alla progettazione e realizzazione del giavellotto che portò il suo nome.
Con quel tipo di attrezzo, il limite mondiale venne continuamente incrementato.  Uno dei primatisti fu, nel 1961, l’italiano Carlo Lievore, che incantò il mondo atletico con un lancio di 86.74m realizzato all’Arena di Milano il 1° Giugno 1961.  
I due maggiori interpreti della specialità, con l’attrezzo “Held”, furono senza dubbio il lettone Janis Lusis, nato a Jelgava il 19 maggio 1939, vincitore a Seoul 1988, dopo un bronzo a Tokyo ’64 e prima di un argento a Monaco ’72, dove in effetti fu defraudato di un legittimo oro (ma di ciò tratteremo in un altro capitolo) a favore del locale Wolfermann.  Lusis, vincitore di ben 4 campionati Europei (‘62/’66/69/71), fu per due volte primatista mondiale, dapprima con 91.98m nel 1968, quindi con 93.80 nel 1972.
Ma fu il tedesco democratico Uwe Hohn, un colosso pieno di muscoli ed assai esplosivo, a decretare la fine del giavellotto “Held”, quando, nel 1984, polverizzò il record mondiale con un lancio di 104.80m, che non poteva essere realizzato in molti stadi….  E per questo la IAAF decise di spostare il baricentro dell’attrezzo in avanti, in tal modo accorciando la traiettoria del giavellotto, e riducendo la possibilità di veleggiare.
Nonostante questa variazione, un atleta, che si può considerare il più grande specialista di sempre, il ceco Jan Zelezny, avvicinò nuovamente la barriera dei 100 metri, con l’attuale record fissato a 98.48.
La carriera di Zelezny, nato il 16 giugno 1966 a Mlada Boleslaw, rappresenta qualcosa di incredibile.  Di buona struttura (186 x 88 kg), tuttavia non paragonabile a quella di Uwe Hohn, Zelezny ebbe un grave infortunio alla schiena, ed i medici lo sconsigliarono dal continuare nella specialità, pena la possibilità di una paralisi.  Jan si fermò per una stagione (il 1991) dedicandosi ad irrobustire la propria schiena ed a cambiare tecnica di lancio, e riprese in maniera superba, confermandosi il miglior lanciatore al mondo per un lunghissimo periodo.
Il suo palmarees è incredibile : 5 primati del mondo, 3 vittorie olimpiche (1992/96/2000) più un argento a Seoul 1988, 3 titoli mondiali (1993/95/2001), una sequenza di 106 vittorie su 135 gare cui ha partecipato, 34 performances superiori a 90m con una media delle prime 10 prestazioni di 94.008m.
Sicuramente il più grande di sempre, come testimoniato dalla sua carriera  >:
1986 (20 anni) 75.90
1987    (21 anni) 87.66 RM
1988 (22 anni) 86.88
1989 (23 anni) 84.74
1990 (24 anni) 86.52
1991 (25 anni) inattivo
1992 (26 anni) 90.18
1993 (27 anni) 95.66 RM
1994 (28 anni) 91.82
1995 (29 anni) 92.28
1996 (30 anni) 98.48 RM
1997 (31 anni) 94.02
1998 (32 anni) inattivo
1999 (33 anni) 89.06
2000 (34 anni) 90.59
2001 (35 anni) 92.80
2002 (36 anni) 87.77
2003 (37 anni) 89.06
2004 (38 anni) 86.12
2005 (39 anni) 83.98
2006 (40 anni) 86.07
Zelezny è ora il capo allenatore del giavellotto nella Repubblica Ceca, e non a caso i progressi di Vesely fanno capo alla sua grande capacità tecnica ed umana.   



RENATO CANOVA