martedì 24 luglio 2012

RENATO CANOVA RACCONTA LA STORIA DELLE OLIMPIADI: CHI E' STATO L'UNICO A VINCERE SPRINT E OSTACOLI??


ENGLISH VERSION:

RENATO CANOVA TELLS THE STORY OF OLYMPICS :WHO WAS THE ONLY WINNER OF SPRINT AND HURDLES BOTH
BIG CHARACTERS:
Olympic history is full of great people. Everyone remembers Carl Lewis and Jesse Owens, as well as Paavo Nurmi and Zatopek Emiel. BIG CHARACTERS 
But there are athletes who have really made ​​history, and who remained in the shadows, not reaching the size of media that Usain Bolt is now the most famous athlete of all time. 
Pending the start of the Olympic athletics, every day we'll have a roundup back in time to present some of the greatest interpreters of different disciplines, surely made ​​history not only the Olympics but athletics in general.

WHO 'WAS THE ONLY WINNING SPRINT AND OBSTACLES?

One of the biggest specialists always high on the obstacles was the American Harrison Dillard. Born in Cleveland, Ohio on July 8, 1923, had been planning to emulate Jesse Owens, his staff, "Athletic excellent technique, linked to a great coordination and perfect technical ability to perform movements at high speed. Thanks to these characteristics, it became virtually unbeatable on the two distances of obstacles 1.06m high (120 yards and 110m), which became the world record holder with 13 "6 in 1946.Continues his streak of wins (well 82) seemed to have no end, but instead was interrupted just at the U.S. Trials in 1948, when it rebounded off the last hurdle and did not qualify. However, it is also very fast, managed to enter the U.S. Olympic team on the 100m, reaching 3 °, and consequently in the 4x100 relay team. 
For the London Games, with surprise, Harrison became the winner of the fastest in 10 "3 by beating the then world record holder Barney Ewell, and earned his second gold medal winning relay team. 
His successor in the various rounds of the 100m was without blemish: Harrison won every round, always with great regularity: 10 "4-in battery, 10" 4 in the quarter-finals, 10 "5 in the semifinals to close with 10" 3 in the final. 
However, one of the leading specialists in the usual obstacles could not surrender to not win in his favorite discipline. This continued for another four years, and in Helsinki (1952) crowned his dream, winning the 110 m hs, and of course again the 4x100. 
He concluded that his adventure with 4 Olympic gold medal, equally distributed in two editions of 1948 and 1952, and remains the only athlete to have made ​​two goals in the two specialties.

EVEN AT WOMEN, THE MORE 'hurdler GREAT EVER HAD TO WIN THE SPEED' ..... 
History almost similar to the female. Let's talk about Gail Devers, born November 19, 1966 in Seattle, rather minute in size (160 x 52 kg), with a great explosion and a determination like no other. Recipient of major international competitions and participated in his first Olympics (Seoul 1988), Gail began to suffer discomfort in both feet, with large circulation problems. She was diagnosed with Graves disease, which could lead to amputation of both ends. Gail began in 1989, a radioactive iodine therapy, and succeeded, in an almost supernatural, not only able to recover back to a normal efficiency, but to train and become one of the most incredible athletes ever. His career was an example of life at the highest levels started young, when 16 years ran the 800m in 2'11 "07, is developing 'on its future disciplines since 1984, when he ran the 100m in 11" 51 and 100hs in 14 "32, and ended at age 38 in 2004, with 11" 05 and 12 "50. 
Gail was one of the most prolific female athletes of all time: it has lower performance than 26 to 11 "00 in the 100m (with an average of 10 best of 10" 862) and even lower than 62 performances to 12 "70 obstacles, of which 17 under 12 "50 (average of the top 10: 12" 419). 
In terms of titles, his palmarees is impressive: 5 gold in World Outdoor Championships (100m in 1993 and 2003, 100hs in 1999 and 2003, 4x100 in 1997), 3 gold medals in the World Indoor Championships, on all floors 60m (1993/1997 / 2004). 
Gail has 5 Olympic participations: 1988 (when he stopped in the semifinals in 100hs incocciando obstacle to close in 13 "51), 1992 (gold in the 100m at last with 10" 82, and 5 ^ on 100hs in 12 "75), 1996 (still gold in the 100 in 10 "94 and 4x100 in 41" 95 and over obstacles in 12 ^ 4 "66), 2000 (when they once again fell on a semi-final hurdle and did not complete the test), 2004 (in the semifinals of the 100 with 11 "22 and again on 100hs withdrawn). 
His two Olympic victories in the 100 meters as they remember the most "thrilling" of all time. In Barcelona in 1992, 5 athletes plunged almost simultaneously at the finish line, divided by the misery of 6/100 of a second, and Gail won with the same time Julie Cuthbert of Jamaica. In Atlanta was repeated the same script, with the difference that the stop was Merlene Ottey, still with the same time. 
Retired in 2004, returned to 41 years in 2007 to improve the primates Masters: but, so as not to break the habit, during the Millrose Games indoor 60m of hs won the race in 7 "86, beating the Olympic champion in office, Joanna Hayes .... 
Gail is still the only athlete to have repeated the victory in the 100 meters, along with the older Wyomia Tyus. 
Here is his incredible career with seasonal best results: 
 100m   100 hs 
1984   11 "51   14 "32 
1985   11 "19   13 "16 
1986   11 "12   13 "08 
1987   10 "98   13 "28 
1988   10 "97   12 "61 
1989   inactive 
1990   inactive 
1991   11 "29   12 "48 
1992   10 "82   12 "55 
1993   10 "82   12 "46 
1994   11 "12 
1995   11 "04   12 "61 
1996   10 "83   12 "62 
1997   10 "88 
1998   inactive 
1999   10 "94   12 "37 
2000   10 "99   12 "33 
2001   12 "53 
2002   11 "45   12 "40 
2003   11 "11   12 "45 
2004   11 "05   12 "50 
His story, as dramatic and exciting, became the subject of a great movie, not too well known, produced in 1996, titled "Run for the Dream. The Gail Devers Story "

RENATO CANOVA 



ITALIAN VERSION:


GRANDI  PERSONAGGI  
La storia delle Olimpiadi è ricca di grandi personaggi.  Tutti ricordano Carl Lewis e Jesse Owens, come anche Emiel Zatopek e Paavo Nurmi.
Ma ci sono atleti che hanno veramente fatto la storia, e che sono rimasti in parte nell’ombra, non raggiungendo la dimensione mediatica che oggi fa di Usain Bolt l’atleta più conosciuto di tutti i tempi.
In attesa dell’inizio dell’atletica olimpica, ogni giorno faremo una carrellata indietro nel tempo, per presentare alcuni dei più grandi interpreti delle diverse discipline, sicuramente entrati nella storia non solo delle Olimpiadi, ma dell’Atletica Leggera in generale.  


CHI E’ STATO L’UNICO A VINCERE SPRINT ED OSTACOLI ?


Uno dei più grandi specialisti di sempre sugli ostacoli alti è stato lo statunitense Harrison Dillard. Nato a Cleveland nell’Ohio l’8 Luglio 1923, ebbe subito in mente di imitare Jesse Owens, il suo personale “Athletic tecnica sopraffina, legata ad una grandissima coordinazione e capacità di eseguire movimenti tecnici perfetti a grande velocità.  Grazie a queste caratteristiche, divenne praticamente imbattibile sulle due distanze degli ostacoli alti 1.06m (120 yards e 110m), di cui divenne il primatista mondiale con 13”6  nel 1946.  La sua striscia continua di vittorie (ben 82) pareva non avere fine, ma invece fu interrotta proprio ai Trials Statunitensi del 1948, quando incocciò nell’ultimo ostacolo e non si qualificò.  Tuttavia, essendo anche molto veloce, riuscì ad entrare nella squadra olimpica statunitense sui 100m, giungendo 3°, e conseguentemente nella staffetta 4x100.
Ai Giochi di Londra, con sorpresa generale, Harrison divenne vincitore della gara veloce in 10”3 battendo l’allora primatista mondiale Barney Ewell, ed ottenne la sua seconda medaglia d’oro vincendo la staffetta.
La sua successione nei vari turni dei 100m fu senza macchia : Harrison vinse ogni turno, sempre con grande regolarità : 10”4 in batteria, 10”4 nei quarti di finale, 10”5 nella semifinale per chiudere con 10”3 in finale.
Tuttavia, uno dei più grandi specialisti di sempre negli ostacoli non poteva arrendersi al non vincere nella sua disciplina preferita.  Continuò così per un nuovo quadriennio, ed a Helsinki (1952) coronò il suo sogno, vincendo i 110 m hs, ed ovviamente di nuovo la 4x100.
Concluse così la sua avventura olimpica con 4 medaglia d’oro, equamente distribuite nelle due edizioni del 1948 e del 1952, e rimane l’unico atleta ad aver fatto doppietta nelle due specialità.


ANCHE A LIVELLO FEMMINILE, LA PIU’ GRANDE OSTACOLISTA DI SEMPRE HA DOVUTO VINCERE NELLA VELOCITA’…..
Storia quasi analoga al femminile.  Parliamo di Gail Devers, nata a Seattle il 19 novembre 1966, di dimensioni piuttosto minute (160 x 52 kg), dotata di una eccezionale esplosività e di una determinazione senza eguali.  Già vincitrice di importanti competizioni a livello internazionale e partecipante alla sua prima Olimpiade (Seoul 1988), Gail iniziò ad accusare fastidi ad entrambi i piedi, con grandi problemi circolatori.  Le fu diagnosticato il Morbo di Graves, che poteva portare alla amputazione di ambedue le estremità.  Gail iniziò nel 1989 una terapia a base di iodio radioattivo, e riusci, in un modo quasi soprannaturale, non solo a ritornare in grado recuperare una normale efficienza, ma di allenarsi e di divenire una delle più incredibili atlete di sempre.  La sua carriera è stata un esempio di durata ai massimi livelli : iniziata giovanissima, quando a 16 anni corse gli 800m in 2’11”07, si sviluppo’ sulle sue future discipline a partire dal 1984, quando corse i 100m in 11”51 ed i 100hs in 14”32, e si concluse a 38 anni nel 2004, con 11”05 e 12”50.
Gail è stata una delle più prolifiche atlete di sempre : vanta infatti ben 26 prestazioni inferiori ad 11”00 nei 100m (con una media delle migliori 10 di 10”862) ed addirittura 62 performances inferiori a 12”70 sugli ostacoli, di cui ben 17 inferiori a 12”50 (average delle migliori 10 : 12”419).
A livello di titoli, il suo palmarees è impressionante : 5 ori nei Campionati Mondiali Outdoor (100m nel 1993 e 2003, 100hs nel 1999 e 2003, 4x100 nel 1997), 3 ori nei Campionati Mondiali indoor, tutti sui 60m piani (1993/1997/2004).
Gail vanta 5 partecipazioni olimpiche : 1988 (quando si fermò in semifinale nei 100hs incocciando un’ostacolo per chiudere in 13”51), 1992 (finalmente oro sui 100m con 10”82, e 5^ sui 100hs in 12”75), 1996 (oro ancora sui 100 in 10”94 e nella 4x100 in 41”95, e 4^ negli ostacoli in 12”66), 2000 (quando ancora una volta si abbattè su di un ostacolo in semifinale e non terminò la prova), 2004 (in semifinale sui 100 con 11”22 ed ancora ritirata sui 100hs).
Le sue due vittorie olimpiche sui 100 metri si ricordano come le più “thrilling” di ogni tempo.  A Barcellona, nel 1992, 5 atlete piombarono quasi in contemporanea sul traguardo, divise dalla miseria di 6/100 di secondo, e Gail vinse con lo stesso tempo della giamaicana Julie Cuthbert.  Ad Atlanta si ripetè lo stesso copione, con la differenza che la battuta fu Merlene Ottey, ancora con lo stesso tempo.
Ritiratasi nel 2004, ritornò a 41 anni nel 2007 per migliorare i primati Masters : ma, tanto per non perdere il vizio, durante i Millrose Games indoor vinse la gara dei 60m hs in 7”86, sconfiggendo la campionessa olimpica in carica, Joanna Hayes….
Gail è a tutt’oggi l’unica atleta ad aver ripetuto la vittoria sui 100 metri, insieme alla più anziana Wyomia Tyus.
Ecco la sua incredibile carriera con i migliori risultati stagionali  :
100m 100 hs
1984 11”51 14”32
1985 11”19 13”16
1986 11”12 13”08
1987 10”98 13”28
1988 10”97 12”61
1989 inattiva
1990 inattiva
1991 11”29 12”48
1992 10”82 12”55
1993 10”82 12”46
1994 11”12
1995 11”04 12”61
1996 10”83 12”62
1997 10”88
1998 inattiva
1999 10”94 12”37
2000 10”99 12”33
2001 12”53
2002 11”45 12”40
2003 11”11 12”45
2004 11”05 12”50
La sua storia, così drammatica ed emozionante, divenne oggetto di uno splendido film, non troppo conosciuto, prodotto nel 1996, dal titolo “Run for the Dream. The Gail Devers Story”


RENATO CANOVA