martedì 23 agosto 2016

Five Past Champions Including World Record-Holders Headline 2016 Bank of America Chicago Marathon Elite Field



August 23, 2016
Reporters May Contact:
Alex Sawyer, Bank of America Chicago Marathon, 1.312.992.6618
alex.sawyer@cemevent.com

Diane Wagner, Bank of America, 1.312.992.2370
diane.wagner@bankofamerica.com

Five Past Champions Including World Record-Holders Headline
2016 Bank of America Chicago Marathon Elite Field

Dickson Chumba, Dennis Kimetto and Tsegaye Kebede Lead the Men's Field;
Florence Kiplagat and Atsede Baysa Highlight the Women's Field

CHICAGO - Today, the Bank of America Chicago Marathon announced that current marathon world record-holder and 2013 Chicago Marathon champion and course record-holder Dennis Kimetto (KEN) and half-marathon world record-holder and 2015 Chicago Marathon champion Florence Kiplagat (KEN) will return to compete for the crown at the 39th annual event.

Kimetto and Kiplagat stand out in an historic field that includes five past champions - the most returning champions to toe the line in the same race in event history, setting the stage for October 9 to be a thrilling contest of experience, endurance and speed.

"Dickson, Tsegaye and Atsede have run their fastest career marathons in Chicago, and both Tsegaye and Dennis have experienced the thrill of breaking our course record," said Carey Pinkowski, Bank of America Chicago Marathon executive race director. "To have so many past champions in one competition is thrilling. And there is depth on the American side as well; without pacesetters, we could see a new champion emerge from this talented field."

Chicago marks the site of Kimetto's North American and Bank of America Chicago Marathon course record of 2:03:45. He became the first runner in history to cover each 5K segment in under 14:50. He stunned in his 26.2-mile debut at the 2012 Berlin Marathon, finishing second in a debut record, 2:04:16. He then made history at the 2014 Berlin Marathon; he became the first person to run under two hours and three minutes, crossing the finish line in 2:02:57 to set a new world record.

Florence Kiplagat, the current world record-holder in the half-marathon (1:05:09), returns to Chicago to defend her 2015 title. Kiplagat showed poise last year as the women's lead pack started aggressively on a 2:19 pace. She tucked herself in with the group and then made her final move with less than two miles to go, capturing her first Chicago Marathon victory in 2:23:33. Kiplagat is the 2010 IAAF World Half Marathon champion and the 2011 and 2013 Berlin Marathon champion. She set her personal record (PR) of 2:19:44 in Berlin in 2011.

Men's field

Kimetto's run from the start line in Grant Park to the finish line down Columbus Drive will be contested by 2015 defending champion Dickson Chumba (KEN), 2012 champion Tsegaye Kebede (ETH), 2008 Olympic 10,000m bronze medalist Micah Kogo (KEN), and debut marathoner and 8K world record-holder Stephen Sambu (KEN). In spite of his world record in 2014, Kimetto has struggled to get back on top of the podium, making the 2016 Bank of America Chicago Marathon anything but a one-man show.

Chumba took home his third career victory at the 2015 Bank of America Chicago Marathon, breaking the lead pack with three miles to go after a slow and tactical race (the first race in more than two decades without pacesetters). By mile 24, Chumba had opened a 20-second gap on the chase pack, a gap that proved insurmountable in the end. Chumba started his marathon career in 2010, but he gained global recognition in 2014 with a win and course record at the Tokyo Marathon. He followed that performance with a third-place showing at the 2014 Chicago Marathon in his current PR (2:04:32).

Kebede's last run in Chicago four years ago resulted in a PR and a course record (later broken by Kimetto) of 2:04:38, but he is also remembered for his 2010 runner-up finish in an epic, head-to-head battle against the late Sammy Wanjiru (KEN). Kebede and Wanjiru jockeyed back and forth over the final miles of the race in what is considered one of the most courageous marathon duels of all time. Kebede, a 2008 Olympic Marathon bronze medalist and the 2012‒2013 Abbott World Marathon Majors (AWMM) series winner, is one of the most accomplished marathon runners of the last decade. He has finished in the top 10 of 15 AWMM races since 2009, including three victories, three runner-up finishes and five third-place finishes.

Kogo might not have a marathon victory on his resume, but he does have an Olympic bronze medal in the 10,000m and a track PR of 26:35:63, making him the sixth-fastest man in history at the distance. Kogo set his PR in Chicago in the same race that Kimetto ran away from the field, clocking 2:06:56 for fourth place. While Kogo has a well-established career on the track, a major marathon championship continues to elude him. He arrives in Chicago eager to rewrite that storyline.

Sambu adds some mystery to a lead pack full of marathon credentials. While he has raced exceptionally well in Chicago - netting a pair of victories at the 2015 and 2016 Bank of America Shamrock Shuffle 8K - his potential in the marathon remains unknown. Sambu brings world record 8K speed (22:01:1), 10,000m speed (26:54:61) and half-marathon endurance (1:00:41) into his marathon debut.

Kenya's Gideon Kipketer and America's Luke Puskedra (Eugene, Ore.) plan to be in the hunt for a podium finish. Kipketer started 2016 by grabbing the headlines at the Mumbai Marathon. Initially signed on to pace the race, he felt good at 30K and kept going – a decision that resulted in his first career victory. Kipketer ran his PR (2:08:14) at the 2012 Amsterdam Marathon. Puskedra stole the show at last year's Chicago Marathon, subtracting five minutes from his PR to run 2:10:24, becoming just the sixth American over the last two decades to score a top-five finish in Chicago. The 6'4" Puskedra clocked the fastest U.S. marathon time in 2015.

Koji Gokaya leads a strong contingent of Japanese runners with a personal best of 2:09:21. Takuya Fukatsu (2:09:31), Kazuya Ishida (2:11:57), and Ryoichi Matsuo (2:12:11) join Gokaya in a quest for a top finish.

Nick Arciniaga (Flagstaff, Ariz.), Tim Young (Fredericksburg, Va.), and Diego Estrada (Flagstaff, Ariz.) round out a strong American presence. From 2008 through 2014, Arciniaga ranked in the top 10 of the U.S. marathon runners, and he won the 2013 U.S. Marathon Championships. He enters with a 2:11:30 PR. Young set his PR at the 2014 Chicago Marathon( 2:14:40), and Estrada, one of the fastest half-marathon runners in U.S. history (1:00:51), toes the line, seeking redemption from a tough debut and DNF at the 2016 U.S. Olympic Marathon Trials.

Women's field

Atsede Baysa (ETH), Valentine Kipketer (KEN), and AWMM newcomer Gulume Chala (KEN) plan to make it difficult for Kiplagat to defend her title.

Baysa - lining up in Chicago for the fourth time – stands out as Florence Kiplagat's main challenger. Baysa has more Chicago victories on her resume than her Kenyan rival (2010 and 2012), and she is the reigning Boston Marathon champion. She is one of the most prolific and consistent runners in the world of elite distance running, finishing in the top four of six AWMM and taking the crown at the Paris (twice), Istanbul, Xiamen and Saitama Marathons. Baysa made a statement in Chicago in 2012 when she beat her opponent to the line by one second in an all-out sprint finish down Columbus Drive, running a PR in 2:22:03. With the momentum of Boston still in her stride and the AWMM championship in view (she is in second place), she enters Chicago with the opportunity to make history if she wins a third time, becoming the only woman on record in Chicago Marathon history to complete the triple.

Kipketer, making her Bank of America Chicago Marathon debut, looked ripe for a podium finish with four miles to go at the 2016 Boston Marathon. She was part of the leading trio that crested the infamous Newton Hills late in the race; without a contender in sight, she seemed like a lock for a top-three finish. But a hard-charging Baysa, in one of the most dominant come-from-behind victories in history, took down the trio at mile 24 to capture the laurel wreath. Kipketer faded to fifth, but it was a strong showing for the 23-year-old. Kipketer, who started her career in 2008 as a junior competitor, took a maternity break and just recently returned to the roads in 2015. With a marathon PR of 2:23:02 and two previous victories in Amsterdam and Mumbai, she should be a factor for a top finish.

Chala, making her first appearance in an AWMM event, has only been competing at the 42K distance for four years, but she has run 12 marathons within that timeframe. She recorded her personal best and her second career victory in 2015 at the Frankfurt Marathon, stopping the clock in 2:23:12. Her time in Frankfurt was a six-minute PR and a bold statement that she is ready to compete among the best athletes on the global stage.

Hoping to prevent an East African sweep, American Serena Burla (Stafford, Va.) is a two-time U.S. Olympic Marathon trials qualifier (2012, 2016) with a personal best of 2:28:01. Burla has dipped under 2:30 twice in her career, and she was the 2014 U.S. Half Marathon champion. Burla turned in one of the most impressive U.S. marathon performances in 2015 when she finished 10th at the IAAF World Championships Marathon in Beijing.

Joining Burla on the U.S. side is six-time Chicago Marathon veteran Tera Moody (Chicago, Ill.). Moody made a comeback at the 2015 Chicago Marathon after struggling with injuries for two years. She ran her PR in the windy city in 2010 (2:30:53). Alongside Moody, Sarah Crouch (Blowing Rock, N.C.) returns for the third time. She experienced a huge breakthrough in Chicago in 2014, subtracting 12 minutes from her PR to finish in the top 10 in 2:32:44.

Highlighting an internationally diverse field is two-time Danish Olympian Jessica Draskau Petersson, 2016 Polish national champion Agnieszka Mierzejewska (2:30:55), and 2012 British Olympian Freya Ross (2:28:10). Petersson set her personal best in Chicago last year with a ninth-place finish in 2:30:07. She returns this year hoping to break the Danish national record (2:29:34). Mierzejewska will be making her AWMM debut after finishing in the top three of all six marathons she has run. Ross, coached by 1984 and1985 Chicago Marathon champion Steve Jones, is returning to elite competition after a broken hip derailed her running plans in 2014 and 2015.

For more information on the 2016 Bank of America Chicago Marathon elite field, visit chicagomarathon.com/2016elites.

About the Bank of America Chicago Marathon
In its 39th year, the Bank of America Chicago Marathon welcomes thousands of runners from more than 100 countries and all 50 states, including a world-class elite field, top regional and Masters runners, race veterans, debut marathoners and charity runners. The race's iconic course takes runners through 29 vibrant neighborhoods on an architectural and cultural tour of Chicago. In 2015, an estimated 1.7 million spectators lined the streets cheering on 37,459 runners from the start line to the final stretch down Columbus Drive. As a result of the race's national and international draw, the Chicago Marathon assists in raising millions of dollars for a variety of charitable causes while generating $254 million in annual economic impact to its host city. The 2016 Bank of America Chicago Marathon, a member of the Abbott World Marathon Majors, will start and finish in Grant Park beginning at 7:30 a.m. on Sunday, October 9. In advance of the race, a two-day Abbott Health & Fitness Expo will be held at McCormick Place Convention Center on Friday, October 7, and Saturday, October 8. For more information about the event and how to get involved, go to chicagomarathon.com.

Visit the Bank of America newsroom for more Bank of America news.


###





sabato 13 agosto 2016

RENATO CANOVA COMMENTA IL RECORD DI ALMAZ AYANA



DOPO 23 ANNI RIO RISCRIVE LA STORIA DEI 10000 METRI FEMMINILI
All’apertura delle competizioni atletiche in Rio abbiamo potuto assistere alla più grande gara di sempre sulla distanza dei 10000 metri femminili, probabilmente ad una delle più grandi gare di mezzofondo di sempre ad ogni livello, paragonabile agli storici 800m di Rudisha a Londra 2012.
In verità, da parte delle persone più vicine ad Almarz Ayana, che managerialmente è gestita dalla Global Sport di Jos Hermens e Valentijn Trouw, si attendeva il record del mondo, la cui realizzazione tuttavia dipendeva da almeno un paio di fattori, quali un aiuto di alto livello fin dall’inizio della gara, e le condizioni ambientali.
L’esame dei passaggi del record di Wang Junxia, d’altra parte, faceva chiaramente supporre i limiti umani sulla distanza potessero essere ben lontani da quanto realizzato nel 1993 : una suddivisione delle due metà gara in 15’05” e 14’26” ottenuta al termine di una settimana con gare giornaliere a livello di record mondiali (tra cui un fantastico 8’06” sui 3000m) non poteva non far pensare possibile un tempo inferiore ai 29’20”, con passaggi più equilibrati ed un maggiore stato di freschezza personale.
In realtà, da quell’anno fatidico mai nessuna atleta si era cimentata nel tentativo di migliorare tale record.
Uno dei motivi è che la specialità dei 10000m femminili non è mai stata presente in nessun meeting, a differenza dei 5000m che hanno registrato ripetuti attacchi al record mondiale, da parte delle Etiopi che hanno dominato il mondo nell’ultimo decennio, ovvero Tirunesh Dibaba e Meseret Defar.
Questo fatto, legato alle scarse occasioni di confronto al di fuori dei campionati istituzionali, dove le atlete guardano al piazzamento piuttosto che al tempo, ha portato ad una sopravalutazione del valore tecnico dei tempi sulla distanza, creando una idea sbagliata dei valori raggiungibili in caso di una gara perfetta come passo e come situazione ambientale.
Già nel mese di aprile, parlando con il marito allenatore di Almaz (Soresa Fida, atleta da 3’34”72 sui 1500m alcuni anni or sono), avanzammo insieme con Jos e Valentijn l’idea di preparare i 10000m, poiché Almaz pareva possedere le qualità non solo tecniche, ma anche caratteriali, per la più lunga distanza.  Il modo col quale aveva distrutto Genzebe Dibaba nei 3 km conclusivi della finale mondiale di Pechino (8’19” in solitudine !) faceva chiaramente intendere come una delle qualità peculiari possedute fosse una elevatissima capacità di correre al massimo in solitudine, come hanno avuto tra i grandi “divoratori” di record in passato Daniel Komen e Kenenisa Bekele, per fare due esempi a livello maschile, od Ingrid Kristiansen capace di correre in 30’13” in solitudine ad Oslo 30 anni or sono.
Si temeva il clima di Rio, ma negli ultimi giorni la situazione è mutata, divenendo più propizia riferendosi alle prove di endurance che a quelle di velocità.  Per quanto riguarda la “lepre”, mai ci sarebbe stata una situazione migliore di quella olimpica, grazie alla giovane kenyana Alice Aprot Nawowuna (sorella minore di Joseph Ebuya, campione mondiale di cross nel 2010), da sempre front runner senza paura, che conosce una sola tattica : correre al massimo sin dall’inizio nell’intento di distanziare tutte le avversarie.
La gara è stata di una linearità assoluta sotto l’aspetto tattico : Aprot subito al comando, con Ayana a seguirla e Vivian Cheruiyot subito dietro.  I passaggi, dopo un primo giro da 1’14”, sono fin da subito divenuti interessanti in proiezione record del mondo, con una prima metà in 14’46”8 che lasciava facilmente intuire un “negative split” da parte di Ayana con tempo finale al di sotto dei 29’30”.
Ecco gli splits per km  :


Kilometro
Atleta al comando
Tempo totale
Tempo parziale
1
Alice Aprot
3’01”5
3’01”5
2
Alice Aprot
5’55”8
2’54”3
3
Alice Aprot
8’52”7
2’56”9
4
Alice Aprot
11’49”8
2’57”1
5
Alice Aprot
14’46”8
2’57”0
6
Almaz Ayana
17’36”7
2’49”9
7
Almaz Ayana
20’30”0
2’53”3
8
Almaz Ayana
23’25”4
2’55”4
9
Almaz Ayana
26’22”88
2’57”48
10
Almaz Ayana
29’17”45
2’54”57
 
Il break di Almaz è avvenuto ai 5200m, con un giro in 1’06”6, e da quel momento la Ayana ha condotto una gara sul ritmo con giri intorno ad 1’10”, talvolta anche inferiori.   I suoi primi 5000m in 14’47”15, i secondi in 14’30”, con gli ultimi 3000m in 8’47”4.
Il fatto che le condizioni fossero ideali, e la gara quasi irripetibile, è dimostrato dai primati personali ottenuti dalla maggior parte delle atlete :
Atleta
Primato Personale Precedente
Prestazione in Rio
Differenza
Attuale posizione
all-time
Almaz Ayana
30’07”00
29’17”45
49”55
1
Vivian Cheruiyot
30’30”44
29’32”56
57”88
3
Tirunesh Dibaba
29’54”66
29’42”56
12”10
4
Alice Aprot
30’26”94
29’53”51
33”43
5
Betsy Saina
30’57”30
30’07”78
49”52
13
Molly Huddle
30’47”59
30’13”17
34”42
17
Yasmine Can
31’12”86
30’26”41
46”45

Gelete Burka
30’28”47
30’26”66
1”79


Ulteriore dimostrazione della irripetibilità di una gara come quella odierna sta nel miglioramento di Tirunesh Dibaba, attualmente all’80% della condizione che aveva nel 2012, e nel grandissimo progresso di Vivian Cheruiyot, che peraltro avevamo già visto in nettissima crescita durante i Trials Kenyani di Eldoret. Peraltro, questo chiarifica anche che mai, in passato, le atlete di vertice avevano posto un attacco al record dei 10000m tra i loro obiettivi, record che avrebbe potuto essere di sicuro realizzato da Tirunesh Dibaba nel periodo 2008 – 2012, se adeguatamente preparato.
Assai interessanti le prestazioni di due giovanissime kenyane : Alice Aprot, che in futuro potrà divenire una maratoneta da record del mondo grazie alla sua innata aggressività e ad un talento naturale che deve essere allenato nel miglior modo in tale direzione, e Yasmine Can, ora turca ma originaria di Iten, appena ventenne, da cui possiamo attenderci quanto prima un tempo inferiore ai 30’.
Piacevole il nuovo record Americano di Molly Huddle, che a 32 anni si è presa la soddisfazione di detronizzare Shalane Flanagan.
Ovviamente, ora si scateneranno le tesi di “doping africano” da parte di tutti coloro che mai hanno avuto a che fare con i massimi talenti.
Pur non potendo mettere la mano sul fuoco per nessun atleta al giorno d’oggi, sono perfettamente certo che si possono raggiungere tali risultati con il talento posseduto dalle atlete in oggetto, che vivono e si allenano perennemente in altitudine, e che svolgono spesso allenamenti che europei ed americani ritengono possibili solo utilizzando aiuti esterni, spesso illegali.   Ricordo che nel 2009, ad Utrecht, ci fu una gara di 10000m cui ero presente con Florence Kiplagat e Sylvia Kibet (Florence fu seconda col record nazionale kenyano di 30’11”53, quel record oggi migliorato da Alice Aprot), e l’etiope Meselech Melkamu, in totale assenza di pacers, vinse correndo in solitudine in 29’53”.  A livello di talento, non c’è proporzione alcuna tra Melkamu ed Ayana, o Cheruiyot, o Dibaba, per cui i tempi odierni rientrano nella assoluta normalità per atlete in grande condizione, a patto di trovare condizioni ideali sia a livello climatico sia a livello di gara.
Almaz Ayana è il presente del mezzofondo prolungato, ed a parer mio non avrà grandi problemi ad imporsi anche sui 5000m, sebbene Vivian Cheruiyot possegga una superiore volata : ma quando si è in grado di correre gli ultimi 3000m in meno di 8’20”, non ci si preoccupa molto della volata altrui…

martedì 9 agosto 2016

MO FARAH WILL COMPETE IN ZEVENHEUVELENLOOP IN NIJMEGEN #sevenhills



Mo Farah in Scholten Awater Zevenheuvelenloop
Nijmegen – Tweevoudig Olympisch- en vijfvoudig wereldkampioen kampioen Mo Farah komt op zondag 20 november aan de start van de 15 kilometer bij de Scholten Awater Zevenheuvelenloop in Nijmegen. Farah is de wereldster op de lange afstanden van dit moment. Het is de eerste keer dat de Britse wereldtopper deelneemt aan een Nederlandse wegwedstrijd. Aanstaande zaterdag verdedigt Farah in Rio de Janeiro zijn Olympische titel op de 10.000 meter.
Nijmegen
Met Mo Farah komt een bijzondere atleet naar Nijmegen. De Britse ster verdedigt komende week zijn beide Olympische titels op de 5000 meter en 10000 meter. Recent liet Farah bij de Diamond League in London met een indrukwekkende winst op de 5000 meter zien in vorm te zijn. Hiermee is Farah dé te kloppen atleet in Rio de Janeiro. De Scholten Awater Zevenheuvelenloop kent een traditie van wereldtoppers. Al in 1994 stond Haile Gebrselassie voor het eerst aan de start. Felix Limo, Leonard Komon en Tirunesh Dibaba zetten in Nijmegen wereldrecords neer op de 15 kilometer. Het record van Komon geldt nog steeds als de snelst gelopen tijd ooit.
Titels
Mo Farah behaalde in zijn carrière tot nu toe liefst vijf wereldtitels en twee Olympische titels. Vanaf 2013 is de wereldster ongeslagen op mondiale en Olympische titeltoernooien op de 5000 en 10.000 meter. De 33-jarige hardloper is houder van de Europese records op de 1500 meter (3:28.81 min) en 10.000 meter (26:46 min) op de baan. Daarnaast bezit hij de Europese records op de 15 kilometer (42:03 min) en halve marathon (59:32 min). Naast de vijf wereld- en twee Olympische titels, behaalde Farah negen Europese titels.
Zevenheuvelenweekend
In het Zevenheuvelenweekend kunnen 42.000 hardlopers meedoen. Op zondag lopen zij in een prachtig herfstdecor over de bekende Zevenheuvelenweg tijdens de 15 kilometer. Op de avond voor deze herfstklassieker gaan 7.000 deelnemers van start op de bijzondere 7 kilometer door het donker tijdens de Zevenheuvelennacht. De Scholten Awater Zevenheuvelenloop vindt plaats op zondag 20 november, de Zevenheuvelennacht op zaterdag 19 november.
Inschrijven voor het Zevenheuvelenweekend kan nog viawww.zevenheuvelenloop.nl.


giovedì 4 agosto 2016

Malonno: annunciati i top-runners al PizTriVertikal di Sabato 6 agosto 2016



www.flettatrail.it
View this email in your browser

MALONNO #MOUNTAINRUNNING 2016:

ecco i big per Sabato, il PizTriVERTIKAL si colora di azzurro vero, ma attenti a BumBum!

 

Sabato mattina a Malonno si corre: va in scena la 2^ edizione del km Verticale PizTriVERTIKAL, 1000 METRI D+ che saranno anche validi per la 2^ edizione della KOMBIVERTIKAL in circuito con il già disputato vertical degli Italiani 2016 al Nasego e con la classicissima d'autunno Chiavenna-Lagunc.
Ambedue i campioni italiani in carica Valentina Belotti e Nicola Pedergnana saranno al via, ma a dargli battaglia ci saranno i detentori del titolo sul PizTri e tantissimi altri top-runners per una gara che si annuncia irripetibile per il tasso di talento presente!
 
Si scaldano i motori con i primi annunci ufficiali in quel di Malonno. Sabato mattina da Moscio decolla la 2^ edizione del Km Verticale PizTriVERTIKAL che lo scorso anno ha assegnato i tricolori e regalato uno grande spettacolo. Iscrizioni chiuse mercoledì sera 3 agosto alle ore 20:30, tanti appassionati si troveranno a dividere il percorso con autentici fuoriclasse della specialità, a caccia di conferme o rivincite dopo il Vertical Nasego, e soprattutto a caccia di gloria e di distacchi anche per la classifica generale del KOMBIVERTIKAL 2016
 
Gara uomini, Le star: "BumBum Dinamite" Petro Mamu torna per il record, il tricolore in carica Nicola Pedergnana e tutti i migliori azzurri pronti ad accoglierlo…
 
Dopo l'emozionante sfida tricolore del 2015, resa ancora più esaltante dalla presenza del fenomeno Eritreo PETRO MAMU, l'US Malonno è stata capace di superarsi ulteriormente. A meno di 3 mesi dai campionati Italiani 2016 di Km Verticale in quel del Trofeo Nasego infatti ecco che tutti i protagonisti azzurri della specialità si danno appuntamento sulle pendici del Piz Tri per quella che è da considerarsi una vera e propria rivincita dai toni piuttosto accesi.


 
Ma andiamo con ordine, intanto il detentore del titolo PETRO MAMU (Fly Stubai Team), titolare anche del record sul percorso con il 34'35" registrato nel luglio 2015, sarà ancora a Malonno per difendere il titolo, ad accoglierlo il Campione d'Italia in carica della specialità davanti a tutti: NICOLA PEDERGNANA (Atl. Clarina Trentino – La Sportiva) non ha tentennato un attimo all'idea di rimettersi in gioco dopo il trionfo al Nasego. Arriva a Malonno per continuare a stupire e per ricordare chi è il più forte quando la strada si impenna e la salita non molla mai. Dietro ai due favoriti di diritto però si schiera davvero il gotha del Vertikal Running, a partire da BERNARD DEMATTEIS (Corrintime - Adidas), Recordman MONDIALE di kilometro verticale senza bastoni con il 30'27" alla Chiavenna-Lagunc che è ancora il crono da battere, e si prosegue con FRANCESCO PUPPI (Atl. Valle Brembana - Saucony), che qui lo scorso anno sigillò l'impresa andando a prendersi il titolo Italiano. Non basta? nessun problema, sarà al via LUCA CAGNATI (Atl. Valli Bergamasche - Dynafit) tricolore a staffetta 2016 con la sua squadra che schiera allo start anche gli ottimi NICOLA SPADA e MAX ZANABONI.

Non mancano poi le "mine vaganti": il funambolico Americano PETER MAKSIMOW  (USA - Team Colorado Inov-8) è a Malonno soprattutto per il FlettaTRAIL, ma prenderà parte anche alla prova di Vertikal, ed al "barba" del Colorado non mancano certo i numeri per fare bene come dimostra ad esempio un buon piazzamento all'ultimo Vertical du Mont Blanc a Chamonix, occhio poi al giovane ALBERTO VENDER (SA Valchiese) azzurrino in Galles agli ultimi mondiali, al giovanissimo LUIGI CRISTANI (Atl. Alta Valtellina) quinto domenica scorsa nel Campionato italiano di corsa in montagna o al "veteranissimo" GIUSEPPE ANTONINI (Atl. Paratico) uno che tanto per capirci è stato Campione del Mondo Master M40 di Corsa in Montagna nel 2013 e che sul dislivello si esalta.
MA NON E' ANCORA FINITA: Mamu, Dematteis, Puppi , Pedergnana e gli altri big in gara dovranno fare i conti anche con l'accoppiata che ha dominato la corsa in montagna italiana ed internazionale per quasi 20 anni. EMANUELE MANZI (Forestale – La Sportiva) e MARCO DE GASPERI (Forestale – Scott) proveranno a fare questo grande regalo a tutti i tifosi del MOUNTAINRUNNING. Manzi ha già confermato la propria presenza al 100% e se la condizione di De Gasperi migliorerà dopo l'infortunio al piede patito sul Monte Rosa li rivedremo insieme in gara al PizTriVERTIKAL di Malonno con tutta la loro classe e capacità di essere sempre competitivi su ogni tipo di percorso.
I due alfieri della Forestale saranno, c'è da scommetterci, grandissimi protagonisti.
 
Questa la gara Maschile, ma l'apertura della giornata toccherà, come codice cavalleresco impone, alle signore, per un PizTriVERTIKAL in rosa che quando a livello non sarà da meno.
 
Gara donne, Le star: Valentina Belotti in pole position…Galassi, Iozzia , Gaggi per la combinata
 
Nel pianto di gioia di SAMANTHA GALASSI (La Recastello) si condensa il ricordo della scorsa edizione, una gara vissuta con il cuore in gola della Toscana trapiantata a Bergamo che nella salita verso il PizTri ha realizzato il proprio sogno tricolore. Da questa istantanea si riparte un anno dopo con scenari ed equilibri completamente stravolti dal ritorno alle competizioni della regina della specialità: VALENTINA BELOTTI (Atl. Alta Valtellina). La Camuna corre in casa, a pochi km dalla sua Temù, ed in questo 2016 ha dominato la stagione in maniera devastante avendo già vestito la maglia di Campionessa Italiana 2016 sia di Vertical che di Corsa in Montagna, oltre ai titoli societari di Cross e di corsa in montagna a staffetta con le compagne dell'Atletica Alta Valtellina. Lecito dunque riservare a lei i favori del pronostico contro il quale daranno tutto le avversarie ed amiche di Nazionale: già detto di una SAMANTHA GALASSI avvelenata dall'opaca prestazione all'ultima prova degli Italiani e decisa a dare tutto per fare una grande gara sul terreno dei dolci ricordi, ci saranno anche le nazionali azzurre IVANA IOZZIA (Calcestruzzi Corradini Excelsior) e ALICE GAGGI (La Recastello) ambedue a caccia di punti per la combinata visto che correranno anche il FlettaTRAIL. Ancora in forse altre due reduci dall'avventura con la nazionale, in questo caso ai Mondiali Lunghe distanze 2016 in Slovenia a giugno, parliamo della bresciana BARBARA BANI (New Athletics Sulzano) e della grande ANTONELLA CONFORTOLA (Forestale) iridata nel 2013 sulle lunghe distanze (ed argento proprio in Slovenia dopo gara tutta in attacco), la trentina è stata tricolore di vertical in svariate occasioni, l'ultima del 2014, e viene da un buon momento di forma come testimoniato dalla vittoria nella prova di Grand Prix WMRA alla Grintovec di Kamnik poche settimane fa.

 
 
LE PARTENZE:
ore 10:30 partenza PizTriVERTIKAL femminile
ore 11:00 partenza PizTriVERTIKAL maschile
 


#FLETTATRAIL #MOUNTAINRUNNING :REALLY EXCITING ELITE FIELD ANNOUNCED


MALONNO #MOUNTAINRUNNING 2016:
Svelato anche il Cast Elite del FlettaTRAIL, Mamu, Douglas, Rancon e Krupicka vanno all’assalto dei GEMELLI DEMATTEIS !
Qualunque sia il meteo è garantito che in Piazza Repubblica a Malonno farà caldo domenica 7 agosto !
Per la 53^ edizione della propria gara il pubblico di Malonno assisterà ad una sfida forse irripetibile. Tra Campioni del Mondo, d’Europa e Nazionali scende sul campo al FlettaTRAIL una schiera di big mai vista…per una sfida tutta da godere !

Quella scalinata in Piazza Repubblica a Malonno, ormai celebre ultimo ostacolo che porta al traguardo finale e che prima dello start viene percorsa a ritroso dai top runner presentati al pubblico, è diventata una sorta di RED-CARPET del MountaiRunning talmente tanti sono stati i campioni che i questi anni l’hanno calcata acclamati dai tifosi.
Doveva averlo pensato anche il fenomenale PETRO MAMU lo scorso anno mentre assisteva alla presentazione della domenica mattina adagiato su una transenna dopo aver vinto il giorno prima il Vertikal del PizTri. Per lui niente FlettaTRAIL NEL 2015, ma quest’anno “BUMBUM” non ha voluto sentire ragioni e incurante del fatto di dover affrontare la terribile Sierre-Zinal tra una settimana ha deciso di tentare anche l’assalto a Malonno.

Parte da qui la presentazione delle “Ostilità” che, sportivamente parlando, esploderanno sui sentieri e le mulattiere Malonnesi per l’atto numero 53 di una delle grandi classiche della specialità. Ad onorarla ci sarà la grande e genuina passione di tanti atleti amatoriali innamorati della corsa in montagna e di un pubblico pronto a dare veramente tutto in termini di affetto e incitamento a tutti i partecipanti, un pubblico e tanti amatori quindi a cui l’US Malonno ha voluto come ogni anno regalare la possibilità di festeggiare insieme ai migliori in assoluto, perché Malonno sia ancora, come da mezzo secolo a questa parta, prima di tutto una grande festa di sport.

FlettaTRAIL 2016 – GARA DONNE: Alice difende il record e la corona, Sara Bottarelli e Lucija Krkoc guidano la pattuglia delle sfidanti
Si correrà tutti allo stesso orario, con partenza alle ore 09:30, da copione andiamo allora a svelare per primi i contenuti della gara femminile, incentrata sulla figura della vicecampionessa d’Europa in carica (e del mondo nel 2013) ALICE GAGGI (La Recastello – La Sportiva). La punta di diamante della nostra squadra nazionale ha completato una prima parte di stagione vissuta in un continuo crescendo. Dopo le difficoltà iniziali il mese di luglio ha segnalato il ritorno alla grande di Alice che ha colto ad Arco di Trento l’argento Europeo alle spalle solo della inarrivabile Emmie Collinge. Torna a Malonno per correre il suo 2° FlettaTRAIL dopo il trionfo dello scorso anno in cui stabilì anche l’attuale primato del percorso, fissato a 1h45’27”. Contro di lei sono pronte a fare i fuochi d’artificio avversarie agguerrite e precedute da un curriculum decisamente pesante: una delle grandi favorite del pubblico è la bresciana della Valtrompia, SARA BOTTARELLI (Freezone), giovane talento esploso e consacrato definitivamente in questa stagione in cui ha stravinto il Titolo Italiano lunghe distanze e lottato fino all’ultimo metro domenica scorsa contro Valentina Belotti nel campionato tricolore classico, in cui è stata comunque splendido argento. Dopo aver dominato letteralmente le gare in calendario in Valsabbia e Valtrompia si affaccia al palcoscenico del FlettaTRAIL per la prima volta, pur avendo lei già vinto a Malonno in passato su distanze più brevi nelle categorie junior. Altra grande attesa è la slovena LUCIJA KRKOC (SD Nanon Pdnanos), recente bronzo ai campionati mondiali di lunghe distanze a Pdbrdo alle spalle della nostra Antonella Confortola. La Krkoc ha l’esperienza e la durezza mentale per fare un grande FlettaTRAIL, solo due settimane fa è stata anche ottima 2^ alla prestigiosa Grintovec di Kamnik. Altra osservata speciale sarà IVANA IOZZIA (Calcestruzzi Corradini Excelsior – New Balance) più volte regina tricolore delle maratone, detentrice del 3° tempo assoluto sul FlettaTRAIL (1h47’49”), è reduce da una convincente prova di campionati italiano a Cortina e vincitrice in questo ultimo scorcio di stagione della Tre Campanili di Vestone, del Livigno Trail e della Bormio-Stelvio. Il parterre si completa poi di altre ottime atlete, tutte con una loro storia ed un curriculum di tutto rispetto: GLORIA GIUDICI (Freezone) già maglia azzurra ai mondiali Long Distance di Zermatt 2015 è alla ricerca di conferme nel suo percorso di ripresa dopo uno stop per infortunio.
Dopo le fatiche del vertical sarà al via anche SAMANTHA GALASSI (La Recastello - Mizuno) determinata a raccogliere punti pesanti per la combinata; grandissimo interesse per la giovane ARIANNA OREGIONI (GP Santi Nuova Olonio) che non smette più di stupire gli addetti ai lavori e dopo la vittoria nella 21km al Valbregaglia Trail ha continuato a confermare quanto di buono si dice di lei anche nelle due prove di Campionato a Lanzada ed a Cortina, ci sarà poi una rappresentante dei “Bleus” d’oltralpe: JULIA COMBE (EA Grenoble) si candida per un posto nella top ten di giornata, lei che ai recenti campionati nazionali di Francia è stata 6^ assoluta. A fare gli onori di casa la Camuna STEFANIA COTTI COTTINI (GP Pellegrinelli) capace nell’edizione 2014 di sfiorare l’impresa di andare sotto l’ora e 50’, un crono che nel FlettaTRAIL Femminile porta direttamente sul podio…

FlettaTRAIL 2016 – GARA UOMINI: Petro Mamu per il grande slam, ma prima c’è da fare i conti con i Gemelli, con Rambo, e con mezzo mondo….
Letteralmente dilagante la qualità che si registrerà sul FlettaTRAIL 2016 Maschile, la lista dei pretendenti è davvero degna di un mondiale. E Campione Mondiale è stato il grande favorito di questa edizione, l’eritreo PETRO MAMU (Eritrea Fly Stubai), che proprio a pochi km da qui, al Passo del Tonale, salì sul tetto del mondo nel 2012. Un tetto che l’altro grande pretendente di giornata, BERNARD DEMATTEIS (Corrintime – Adidas) ha sfiorato nel 2015, Il capitano della nostra nazionale non ha bisogno di presentazioni, i titoli nazionali come quelli internazionali (anche 2 volte Campione Europeo) non si riescono più a contare, ed in questa sede evocheremo solo un elemento di chiara simbologia: è di Berny il Record del Percorso con 1h27’36”, sono di Berny le imprese più surreali ed emozionanti su questa gara, come le accelerazioni folli del 2014 nella sfida contro Zinca o l’indimenticabile rimonta lo scorso anno contro Ezechiel Meli...quando vede Malonno il buon Bernard va in stato di grazia, occhio a non provocarlo.
Chi più di tutti ha le credenziali per infilarsi in questo duello epocale è l’attuale CAMPIONE D’EUROPA DI CORSA IN MONTAGNA, quel MARTIN DEMATTEIS che il soprannome “Kenyano Bianco” se l’è guadagnato per un motivo, quello stesso che spera di poter calare sulla gara domenica quando sarà di certo uno degli osservati speciali vista la sua capacità di imporre da subito ritmi devastanti o di esaltarsi nella seconda parte del tracciato camuno, laddove può scatenare la sua innata leggerezza e falcata da gazzella.
Se servono quarti di nobiltà per entrare nel gioco ecco che la roulette si ferma di certo sul numero del CAMPIONE DEL MONDO DI CORSA IN MONTAGNA LUNGHE DISTANZE 2016, ALESSANDRO RAMBALDINI (Atl. Valli Bergamasche Leffe) che il 18 giugno scorso a Pdbrdo ha consacrato una carriera votata alla fatica ma da sempre vincente, ieri nella classiche Valsabbine, oggi anche sui palcoscenici internazionali. La pattuglia azzurra delle Valli Bergamasche di Leffe a Malonno sarà al solito nutritissima ed agguerrita, oltre a Rambo saranno al via CESARE MAESTRI e LUCA CAGNATI. Per Mestri è l’esordio nel Fletta, arriva nella stagione del definitivo salto di qualità che lo ha visto grande protagonista al Trofeo Nasego dove ha chiuso con l’argento italiano lunghe distanze, per Cagnati si tratta dell’ennesima presenza a Malonno, con cui il ragazzo di Canale d’Agordo ha da scontare la drammatica gara dello scorso anno quando fu vittima del caldo e costretto al ritiro, le motivazioni saranno una molla in più per lui che è un autentico guerriero. Menzione doverosa anche per un coraggioso giovane, MARCO FILOSI (SA Valchiese), il “falco” è un prospetto molto interessante, un plauso a lui che con umiltà viene a Malonno per mettersi in gioco con tanti campioni. Altri italiani in forse per il Trail (valuteranno dopo aver corso il vertikal) : FRANCESCO PUPPI (Atl. Valle Brembana – Saucony, lo scorso anno 6° in 1h31’00”) ed EMANUELE MANZI (Forestale – La Sportiva che il FlettaTRAIL lo ha vinto due volte, nel 2008 e nel 2009).

La legione straniera : “allez les Bleus”, il gaucho, The Prez….e tanti altri
International superstars anche quest’anno al FlettaTRAIL, non solo Mamu infatti contro i migliori azzurri ma un autentica parata di stelle in rappresentanza di svariate nazioni per quello che sarà un “mundialito” del mountairunning.
Si parte con la coppia di galletti francesi JULIEN RANCON (EA Grenoble – Hoka) & GUILLAUME GIRMA (CA Balma) ossia ben 2 componenti (su 3) della staffetta Campione del Trofeo Vanoni 2015 che arriveranno quindi a Malonno per provare a ripetersi anche in altra classica lombarda dopo la mitica staffetta di Morbegno. Occhio soprattutto a capitan Rancon, atleta di grandissima duttilità con un palmares di vittorie e piazzamenti impressionante di cui citiamo il recentissimo 9° posto agli europei 2016 ad Arco di Trento. Altro atleta che è uscito dalla rassegna continentale con un ottimo risultato (10°) è il Ceko ROBERT KRUPICKA (Salomon CZ) quest’anno al suo 4° FlettaTRAIL di cui detiene il 7° tempo assoluto di sempre (1h29’17”) ed è uno degli 8 atleti capaci di scendere sotto il crono di 1h30’.
Super osservato speciale sarà lo scozzese ANDREW DOUGLAS (Iverclyde AC) fortissimo atleta che nelle ultime due stagioni si sta affermando come presenza fissa ai vertici mondiali della specialità. Per lui parlano chiaro la vittoria nella coppa del mondo - Grand Prix WMRA 2015, il 5° posto ai mondiali in Galles lo scorso settembre ed il grande 4° posto ottenuto agli ultimi europei di Arco. Attenti davvero al ragazzo di Halkirk, sulle highland scozzesi.
Dalle nebbie e pioggie di caledonia, al sole della Pampa Argentina: al FlettaTRAIL 2016 infatti ci sarà anche la bandiera “albiceleste”, a difenderla DIEGO SIMON (Salomon Argentina) giovane ed esuberante trailrunner che nel suo tour estivo in Europa (correrà anche Sierre-Zinal e K42 alla Maiella) non ha voluto mancare l’appuntamento con Malonno. Per Simon un titolo nazionale di Corsa in Montagna, un quarto posto al Cruce de los Andes Argentina - Cile (l’attraversamento estremo delle Ande, in Patagonia), e la vittoria nella K21 Series Salomon in Argentina. Sarà molto interessante vedere come un atleta della sua tipologia saprà competere su un percorso cosi veloce. E se parliamo di interesse e curiosità nessuno batte quella suscitata dall’americano PETER MAKSIMOW (team Colorado – Inov8). Vero social-guru del Mountain and Trailrunning questo simpatico USA dalle origini metà Russe e metà Italiane (la mamma è originaria di Gorizia) arriva a Malonno come ambasciatore del movimento trail americano. Ma attenti, sa anche correre forte, come testimoniano le tante presenze nella nazionale a stelle e strisce : 15° ai mondiali lunghe distanze di Zermatt 2015, 5° posto alla Mount Washington 2015 e 3° ai recentissimi campionati USA di Trailrunning. Chiusura con un ritorno al nord, direttamente dalle terre scandinave arriva il Finlandese VILLE MIETTUNEN (team Scott), giovane prospetto del 1992 che ha preso parte anche ai giochi Olimpici Invernali di Sochi 2014 nella specialità del Freestyle Ski e si sta dedicando ora con grande passione al running offroad.

Questo allora il cast elite di FlettaTRAIL2016 che si annuncia come sempre molto appassionante con la prevedibile lotta seratissima tra tutti questi grandi campioni, lotta che si infiammerà fin dalle prime battute anche grazie ai 2 traguardi intermedi presenti sul tracciato (GPM Grimpeur Mizuno presso Odecla e GPM Compressport presso il Campass) ed alla particolare attenzione che l’organizzazione di Malonno riserva non solo alla classifica finale ma anche al rendimento qualitativo di ciascun atleta, andando ad erogare ricchi bonus in corrispondenza dei singoli rilievi cromometrici.

Imperdibile poi per tutti gli atleti in gara la festa nella festa con il tradizionale palio del tifo tra le varie contrade del comune di Malonno che verranno attraversate dal tracciato di gara, lì per tutti bagno di folla, musica, tamburi, campanacci e tifo a squarciagola…pura emozione !

La gara di quest’anno sarà nuovamente trasmessa in diretta su Teleboario (canale 71) mentre con spettacolari immagini realizzate dall’elicottero verranno proposti dei servizi speciali riguardanti il PizTriVERTIKAL di sabato.

Già accreditate le testate locali Bresciaoggi e Giornale di Brescia e presente la stampa web specializzata con i bloggers di alcuni dei siti più conosciuti nel settore:
www.corsainmontagna.it (il primo portale interamente dedicato a Mountain-Trail&skyrunning).
www.trailaddicted.com (trailrunning & outdoor sports culture).
www.albertostretti.org (the world of track & field).

Un coverage mediatico molto curato ed a 360 gradi per vivere al meglio una due giorni irripetibile.
  

A MALONNO, IL PAESE DELLA CORSA IN MONTAGNA, 6 E 7 AGOSTO 2016……

VIVETE IL WEEK END DEL MOUNTAIN RUNNING !

UFFICIO STAMPA US MALONNO

credit foto allegate:
PAOLO PICCOLI
ALEXIS COURTHOUD
GIACOMO MENEGHELLO
GETTY IMAGES
F. MENINO